Nuovo assetto: tutto è a posto ?

0
498

 

Il testo della dichiarazione del dott. Eno Quargnolo (nella foto), Direttore del Distretto dell’Appennino Bolognese, dopo l’approvazione della programmazione dell’Assistenza Territoriale e della Reete Ospedaliera da parte del Comitato di Distretto dell’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese.

“Ora abbiamo un nuovo assetto della rete assistenziale e ospedaliera del nostro territorio, grazie ad un lavoro accurato di mesi per il quale ringrazio i professionisti, i Sindaci e gli Assessori del territorio, insiem he al Presidente della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria metropolitana di Bologna, Luca Rizzo Nervo, per il coordinamento attento e puntuale”.

Abbiamo proposto – ha proseguito Quargnolo – investimenti e innovazioni su ambiti come emergenza, ospedali, Case della Salute e, soprattutto, un nuovo modello di cure intermedie per chi è portatore di patologie croniche. Ora occorre l’impegno di tutti per rendere operativo il nuovo assetto. Chiederemo il massimo impegno ai professionisti e cercheremo di coinvolgere quanti hanno a cuore una sanità rinnovata e più vicina ai bisogni emergenti dei cittadini nel nostro territorio”.

Il Piano pertanto è il frutto, come lui stesso ha affermato, del confronto avviato all’interno dello stesso Comitato nel gennaio scorso, con la discussione della proposta dell’Azienda USL di Bologna presenata in CTSS metropolitana nello scorso mese di novembre. Di conseguenza tutti coloro che hanno partecipato gli incontri (Sindaci, Presidente di Distretto, ecc.) non possono che essere favorevoli. Chi non lo fosse stato, avrebbe dovuto immediatamente dichiarare il proprio parere distinto, cosa che non è avvenuta e pertanto gli unici che possono ancora dire qualcosa di contrario sono i cittadini.

Teniamo presente che questa proposta sarà presentata prossimamente alla CTSS metropolitana, unitamente alle programmazioni che saranno approvate nei prossimi giorni  dagli altri Comitati di Distretto. Dopo scatterà la ratifica finale e quindi l’entrata in pratica.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here