LIZZANO: Cristian Preci nuovo Segretario della locale Sezione PD

A sorpreesa è stato sconfitto Claudio Seghetti

2
493

 

Un giovane impegnato in politica che viene eletto Segretario di un partito nel suo territorio non è una notizia di rilievo. Ma cambia aspetto se si analizzano alcuni elementi. Cristian Preci era infatti entrato in Consiglio Comunale con la vittoria della lista capeggiata dall’attuale sindaco Elena Torri, che aveva vinto le primarie del PD. Fu nominato Assessore allo Sport ma dopo circa un anno dette le dimissioni senza specificare i motivi che l’avevano indotto a questo gesto. Era intuibile che dovevano esserci stati contrasti non piccoli all’interno del gruppo.

Nei giorni scorsi gli scritti al PD hanno votato il successore di Fabio Gandolfi, ex Segretario locale. Candidato con buone chances di vittoria sembrava essere Claudio Seghetti, subentrato in corsa in Giunta al posto dell’ex vicesindaco e attuale Assessore agli Affari Istituzionali, ma a sorpresa di molti è risultato eletto Cristian Preci. Ed a lui abbiamo rivolto alcune domande .

 

-Perchè si è candidato ?

Non credo di dover rendere pubbliche le ragioni della mia candidatura. Le mie idee sono già state spiegate agli iscritti in sede congressuale

-Quali reazioni ci sono state tra le persone a lei vicine ?

-In ogni cosa che faccio metto tutto il mio impegno la mia famiglia e mia moglie in particolare sostiene e appoggia ogni mia scelta

-Come commenta il risultato ?

-Sono ovviamente contento. Non me lo aspettavo. Ora dobbiamo iniziare a lavorare tutti quanti insieme

-Ha sentito qualche commento dei lizzanesi ?

-No, non mi sono arrivati particolari commenti

-C’è stata qualche reazione da parte dell’amministrazione ?

-Le reazioni dell’amministrazione dovrebbero essere chieste all’amministrazione stessa. Posso solo dirle che il circolo ha di recente ribadito la fiducia al sindaco, peraltro mai messa in discussione

-Ha già avviato contatti con Segretari delle Sezioni PD dell’Alto Reno?

-Al momento non ho preso contatti con gli altri Segretari. Ritengo che prima sia necessario avviare proficuamente i lavori di unione e programmazione all’interno del circolo, in futuro sicuramente non mancheranno occasioni di incontro.

SHARE

2 Commenti

  1. Mi rivolgo direttamente al sig. Cristian Preci . La prima indifferibile cosa che qualunque segreteria partitica dovrebbe fare, è stilare un programma di cose da farsi a vantaggio della cittadinanza, i tempi e metodi della loro esecuzione ; ma con una imprescindibile metodologia : utilizzare tutte quelle risorse che il territorio può dare in tema di Cultura, Storia, Ambiente, Sport ed altro . Affidarsi alle decisioni piovute dall’alto sia in termini di opportunità che di investimenti significa affidarsi a soluzioni clientelari e, spesso, poco chiare di tipo meridionalistico della peggior specie . L’anima di una democrazia nasce proprio dalla base, ma in termini totali, ovvero Storia, Cultura, Ambiente, tradizioni ed altro che dovrebbero essere il cemento di un concetto democratico . Le decisioni piovute dall’alto hanno sempre il marchio della “Graziosa Concessione” di eredità delle Monarchie Assolute ( per Grazia di Dio ) .

  2. Sig. Cristian Preci, ritorno, alla luce di vari risultati elettorali, sull’argomento Partiti . Ormai la maggior rappresentanza è quella del Partito dell’Astensione . In Italia, come d’altronde negli USA, l’Establishment ha altro cui pensare che curarsi delle esigenze e della vita dei cittadini, l’autoreferenza è istituzionalizzata . La sinistra che per decenni ha rappresentato, o tentato di rappresentare, un esempio di buon governo, ha assimilato, da tempo, i più nefasti metodi della pessima gestione della cosa pubblica . I cittadini che si recano al voto non sanno più quale santo votare e si affidano al miglior venditore di fumo presente sulla piazza . Trump negli USA ed altri personaggi nel Bel Paese raccolgono il consenso anche massiccio dei delusi dalla rotta intrapresa dalla sinistra italiana o, meglio, di quello che dovrebbe essere un mondo progressista e che si sta rivelando una assoluta delusione . Veda lei, nel suo ruolo in una modesta entità qual è il Belvedere, se non sia il caso di abbandonare un sistema partitico autoreferenziale per avvicinarsi alle reali esigenze della collettività . Auguri da Ettore Scagliarini

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here