BOLOGNA: Il cordoglio per la morte di Luciano Guerzoni

0
85

Il ricordo di Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna:

“La scomparsa di Luciano Guerzoni è motivo di dolore per tutti noi: ha rappresentanto una delle figure più fulgide di quella generazione di donne e di uomini che hanno edificato e difeso la Repubblica democratica nata dalla Resistenza e costruito il sistema di decentramento regionale. Lo ha fatto con coerenza e rettitudine fino alla fine dei suoi giorni, intensificando la sua attività nell’Anpi di cui era vicepresidente nazionale. Per Guerzoni parla la sua biografia: operaio, dirigente politico della sinistra italiana dal Pci al Pd, amministratore pubblico di provata onestà e capacità, Parlamentare regionale e nazionale con importanti incarichi come la Presidenza della Giunta regionale prima e del Consiglio regionale poi, ha sempre servito le istituzioni con disciplina e onore, con coerenza e passione civile. Ai suoi cari, a quanti l’hanno coosciuto e insieme a lui affrontato tante battaglie vanno le nostre più sentite condoglianze e la certezza che l’Emilia-Romagna non dimenticherà mai il grande contributo di pensiero, azione ed esempio che Luciano Guerzoni ci ha donato nella sua lunga militanza politica e istituzionale”.

 

Il sindaco Virgino Merola, a nome di Comune e Città metropolitana di Bologna, esprime le più sentite condoglianze alla famiglia di Luciano Guerzoni, morto ieri sera a Modena all’età di 82 anni.

“ Guerzoni ha dedicato la sua vita all’impegno politico e il suo è stato un contributo prezioso – lo ricorda il sindaco metropolitano Virginio Merola – per le Istituzioni del nostro paese. Come presidente della Regione prima e come parlamentare poi, ha sempre posto grande attenzione ai valori della solidarietà, della giustizia, della laicità e del pluralismo. Voglio poi ricordare che come vicepresidente dell’Anpi in quest’ultima parte della sua vita ha continuato la sua attività con grande generosità a favore della democrazia e per l’antifascismo”.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here