MARZABOTTO – Battistini (UCM): “Al bando l’ideologia comunista”

Una richiesta che non mancherà di sollevare reazioni

0
438

Morris Battistini

 

Da Morris Battistini, capogruppo della lista civica “Uniti per Cambiare Marzabotto”, è stata presentata una mozione che è causata, come lui stesso sottolinea, dalla “legge Fiano” pur non ancora passata al Senato. Con questo scritto chiede che “venga messa al bando l’ideologia comunista  per rispetto, equità ed oggettività storica. Credo sia corretto per onesta intellettuale dare il giusto peso a tutti gli estremismi, che in Italia così come nel mondo intero hanno provocato vittime e tragedie di umani.” Ed aggiunge “Perchè se da una parte è vero che esistono migliaia di morti per mano fascista, dall’altra è altrettanto vero che ne esistono milioni per mano comunista. Ribadendo la nostra totale condanna alle vittime degli uni e degl’altri, oltreché alle efferatezze e alle barbarie che sono state commesse partendo proprio dai nostri territori, riteniamo giusto cessare quanto prima laclassificazione delle morti tra vittime di serie A e vittime di serie B.”

Il testo integrale:

 OGGETTO: Mozione a risposta scritta  circa la messa al bando dell’ideologia Comunista

 Premesso

che la camera dei deputati ha approvato la legge Fiano, ora al vaglio del Senato, che punisce:

“Chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero le relative ideologie” specificando poi che il comportamento è punibile anche se commesso solo “ attraverso la riproduzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti, persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia  o la gestualità”, con pena aumentata se il reato dovesse avvenire per via informatica (es. Facebook);

Considerato

che il Comune di Marzabotto ha più volte espresso il proprio apprezzamento ad iniziative per la Pace, la Democrazia, e la condanna di tutti gli Estremismi;

che il partito Comunista Cinese guidato da Mao Zedong, il partito Comunista dell’Unione Sovietica guidato da Iosif Stalin ha cagionato la morte di oltre cento milioni di persone sotto il simbolo Falce e Martello;

che ancora oggi il Partito Comunista in molti paesi del Mondo è sinonimo di feroci dittature o deboli democrazie, tra le più note: Corea del Nord e Venezuela;

che nel nostro Paese tutti i gruppi antagonisti si rifanno a tale ideologia, ai suoi simboli e leaders;

Atteso che

che l’amministrazione di Marzabotto nella seduta di Consiglio Comunale del 29 Settembre ha proposto ed approvato un documento con cui sosteneva la proposta di legge dell’On. Fiano contro la commercializzazione di simboli e amuleti di entità fascista;

 tutto ciò premesso si IMPEGNA il SINDACO e l’Amministrazione Comunale

al fine si essere consequenziale col recente pensiero espresso in Consiglio Comunale di avanzare presso il Parlamento la richiesta di perseguire penalmente con pene severe: “chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito Comunista, ovvero le relative ideologie” specificando che il comportamento è punibile anche se commesso solo: “ attraverso la riproduzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti, persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia o la gestualità,” con pena aumentata se il reato dovesse avvenire per via informatica (es. Facebook, Twitter, Instagram);

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here