MARZABOTTO, in arrivo tre nuovi autovelox

Carlo Poletti, Comandante della Polizia Municipale di Marzabotto e Vergato (foto Carollo)

Carlo Poletti, Comandante della Polizia Municipale di Marzabotto e Vergato (foto Carollo)

Il comandante della Municipale, Poletti, chiarisce i motivi dell’installazione

di Fabrizio Carollo

Procedono regolarmente i lavori per l’installazione di tre postazioni fisse autovelox tra le frazioni di Lama di Reno, Marzabotto e Sibano sulla statale 64 Porrettana.

Reno News ha parlato con il comandante Carlo Poletti della polizia municipale di Marzabotto, che ha illustrato i progressi e l’andamento dei lavori:

“Dopo aver concluso la regolare procedura di richiesta di installazione dei dispositivi alla Prefettura ed aver ottenuto i dovuti permessi da parte dell’Anas, che ha anche la statale Porrettana fra le strade di sua competenza, si spera di procedere all’installazione delle strutture, con relativa cartellonistica di avviso, in tempi brevi. La burocrazia non aiuta mai queste procedure ma siamo soddisfatti di aver terminato la prima fase di questo progetto, finalizzato a portare ancor più sicurezza su una strada che, troppo spesso, è teatro di incidenti che hanno anche tragiche conseguenze.

Lavorando in sinergia con l’attuale amministrazione comunale, mi sono impegnato per la realizzazione di queste tre postazioni fisse, ove verrà montato il misuratore di velocità Velomatic 512, con relativo dispositivo fotografico digitale per la segnalazione immediata delle irregolarità.

I dispositivi effettueranno attività di monitoraggio elettronico ventiquattrore su ventiquattro.

Per rispondere a chi dice che tutto questo viene fatto solo ed esclusivamente per fare “cassa”, ci tengo a sottolineare che non è affatto così.

Sono state infatti condotte indagini ben specifiche ed accurate sulla reale pericolosità dei tratti di strada coinvolti e da precedenti dati statistici che determinano senza ombra di dubbio il grande rischio di incidentalità ed anche le conseguenze dei sinistri verificatisi nel tempo.

Inoltre, abbiamo riscontrato che, proprio in questi anni di crisi e di tensione generale, l’automobilista è più nervoso alla guida, più arrabbiato e per questo meno attento, senza contare l’attività di rischio dovuta all’uso sconsiderato di telefonini, spesso utilizzati senza vivavoce o auricolari.

Speriamo davvero, io per primo, di poter diminuire l’incidentalità degli anni precedenti e di tenere in ulteriore sicurezza anche il tratto di rettilineo in discesa nel comune di Marzabotto, che ha sempre rappresentato un punto ad alto rischio. Nessuna voglia di far cassa, quindi ma,  semplicemente l’intenzione di mettere in sicurezza automobilisti, pedoni e colleghi incaricati dei controlli stradali.

Solo la determinazione di svolgere il nostro dovere nel migliore dei modi.”

 

27 thoughts on “MARZABOTTO, in arrivo tre nuovi autovelox

  1. come a pian di venola

    Bastava immettere i semafori come quello presente a Pian di Venola.
    Con l’accortezza di mettere le serpentine in prossimità della linea bianca di arresto per accertare e sanzionare chi oltrepassa gli stessi a semaforo rosso. Solo così si toglie l’effetto dubbio del voler fare cassa.

    Rispondi
  2. Pai

    “finalizzato a portare ancor più sicurezza su una strada che, troppo spesso, è teatro di incidenti che hanno anche tragiche conseguenze”.

    BUFFONI, LA REALTA’ E’ che E’ FINALIZZATO A PORTARE SEMPRE PIU’ NOSTRI SOLDI NELLE VOSTRE TASCHE!!!

    Rispondi
  3. MammaMaria

    Comunque basta rispettare i sacrosanti limiti di velocità e nessun soldo uscirà dalle tasche…oppure avete tutti necessità di esibirvi come piloti di formula 1??? A regola non sapete nemmeno che esistono i limiti di velocità e che SI PUO’ non superarli…

    Rispondi
    • che debacle

      sappiamo anche che se la fiamma del gas è troppo alta il latte fuoriesce.
      ma se siamo distratti al telefono (sia a casa che in auto con l’auricolare) E IN DISCESA basta un attimo per sforare anche di soli 5 km/orari. Tenendo opportunamente conto che le auto di adesso sono insonorizzate rispetto alle alfette o simili dove riuscivi a percepire che stavi andando troppo veloce.

      Rispondi
  4. gianluca

    Sarei curioso di sapere chi ha fatto queste “indagini ben specifiche ed accurate sulla reale pericolosità dei tratti di strada coinvolti e da precedenti dati statistici che determinano senza ombra di dubbio il grande rischio di incidentalità ed anche le conseguenze dei sinistri verificatisi nel tempo” e chi ha detto ” Nessuna voglia di far cassa, quindi ma, semplicemente l’intenzione di mettere in sicurezza automobilisti, pedoni e colleghi incaricati dei controlli stradali”. Osservandole da un certo punto di vista potrei anche dargli ragione. Ma vorrei farvi notare che prima di spendere i NOSTRI soldi in autovelox, questi potrebbero essere investiti per sistemare in maniera definitiva il manto stradale del tratto interessato. Due esempi indiscutibili sono la curva all’incrocio per Panico (è da minimo 12 anni che non viene riasfaltata) e l’avvallamento nel tratto in salita di Marzabotto direzione Sibano (fra poco ci faremo un garage interrato). Hai vostri occhi non sono realtà che mettono a rischio l’incolumità dei automobilisti???? La cosa più fastidiosa è che voi pensate di parlare con cittadini ingenui, che non riconoscono le reali problematiche della viabilità nel Comune. Prima di fare certe affermazioni analizzate il mondo reale, di come stanno effettivamente le cose. I problemi non si risolvono facendo finta che non esistano. La vostra prima preoccupazione è fare cassa… Che poi l’autovelox serva anche a diminuire la velocità media delle autovetture è indiscutibile… Ma almeno siate sinceri!

    Rispondi
  5. Carlo

    Finalmente hanno ascoltato le mie richieste, ora avremo lo split 1, 2 e 3 e non solo i tempi suol giro!

    Se pensavano a tappare le buche anziché a svuotarci le tasche. Il tratto di Sibano, ad esempio, giace in condizioni pessime, non vedo l’ora di sfondare un ammortizzatore per andare a batter cassa!

    Rispondi
    • che debacle

      dando ragione a te e gianluca, aggiungo che speriamo almeno che pongano prima dell’autovelox un pannello che indichi a che velocità sta andando la vettura.

      Cosa che avrebbero potuto mettere anche a pian di venola cosi’ ogni due tre per due il semaforo non arrossisce.

      Stessa cosa potevano fare al posto degli autovelox. mettere semafori come quello di pian di venola con pannello che ti dice se stai superando il limite di velocità.

      Rispondi
  6. gino

    La porrettana fà schifo e voi aggiungete autovelox… si proprio per la sicurezza! magari non segnalateli anche (COME FATE SEMPRE!!), cosi tutti i turisti che passano da queste zone abbandonate dalle industrie, con una sola strada, con una ferrovia di merda che cade a pezzi, non ci torneranno mai più, almeno chiuderanno anche quei quattro negozi che ci sono. Grazie
    ma vaffa…

    Rispondi
  7. G

    Faccio la Porrettana tutti i santi giorni due volte al giorno per quasi tutto il suo percorso, quindi parlo con cognizione di causa: volete veramente fare della sicurezza? Sistemate il manto stradale che fa pietà!

    Rispondi
  8. Giacomo

    Difficile che ci caschino i residenti che quella strada la fanno ogni giorno, semmai qualche ignaro turista sprovvisto di navigatore che indispettito poi cancellerà per sempre queste zone dalle sue mete. Io ad esempio la porrettana la faccio spesso per arrivare a Vergato preferendola all’ autostrada, sebbene abbia i suoi difetti mi piace godermi il panorama non avendo fretta dato che è venerdì sera. Da adesso non potrò però correre il rischio di prendere una multa per aver sforato magari di pochi Km orari mentre magari penso ad un esame che incombe o per aver sorpassato il camionazzo o il vecchio col cappello sorpassabili in sicurezza solo nei rettilinei a differenza di certi che se ne fregano e sorpassano ovunque commettendo a volte delle robe da denuncia per tentato omicidio (multare quelli manco a parlarne) quindi preferirò l’ autostrada che da Casalecchio fino a Rioveggio di autovelox non ne ha affatto per il momento, sarò sempre nel rispetto dei limiti ma non rischierò alleggerimenti delle tasche. Meditare che così facendo però nel mio piccolo non darò il mio denaro a benzinai, bar, tabaccai e via dicendo in cui a volte mi fermo; chissene frega di me direte voi ma oltre a me si unirà anche la gente munita di navigatori che gli segnalano le postazioni fisse o che prima hanno consultato una delle community che ne parlano su internet.

    Rispondi
  9. Alberto

    io su quel tratto di strada ci vivo e ci abito. l’installazione di autovelox puo’ solo che rendermi felice visto che gli automobilisti non rispettano assolutamente i limiti (giusti) del codice della strada continuando a passare all’interno di un centro abitato a velocita’ folli aggiungendo talvolta anche qualche sorpasso (perchè ci sta sempre vero?). Per non parlare poi dei camion che fanno tremare le abitazioni sfrecciando ben oltre ogni limite consentito.
    ma io dico, è mai possibile che da italiani medi, quando andiamo all’estero e vediamo autovelox nei centri abitati e vicino alle scuole il primo pensiero che abbiamo è “eh ma come sono civili qui…” e poi quando il medesimo atto di civiltà viene replicato a casa nostra non ci va piu’ bene?! ma basta. Sono certo che gli autovelox saranno segnalati anche perche’ la legge lo impone. Poi certo, i problemi sono tanti come ad esempio il manto stradale, ma non solo quello, almeno iniziamo da qualche parte senza demonizzare un gesto di civilta’ all’interno di un paese che pare essere ormai popolato da cialtroni.

    Rispondi
    • G

      E’ che purtroppo Alberto pur augurandomi di cuore che lei abbia ragione, temo che invece di essere installato dove “dovrebbe”, l’autovelox verrà piazzato dove “conviene” (ad esempio lungo un tratto rettilineo su cui si è già provveduto a cancellare il tratteggio andando a eliminare i pochi punti di sorpasso in sicurezza della nostra amata/odiata statale).

      p.s. con un bel limite ai 50km/h perchè dato il manto stradale osceno non è prudente tenere i 90km/h.

      Rispondi
      • Alberto

        @G Personalmente mi auguro che le cose possano cambiare in meglio. Diversamente non punterei nemmeno la sveglia.
        @Che debacle dici bene, vista l’accertata inciviltà tocca ricorrere a strumenti dei quali se ne farebbe volentieri a meno. Un incivile che se ne fotte di attraversare un centro abitato non curante dei limiti, sono certo che con un velox SEGNALATO cambierà approccio.

        Rispondi
    • gino

      mmm… secondo te camion con 4 km di fila dietro perchè non sorpassa nei tre punti della porrettana dove si può fare come li vedi?

      che stiano sulla strada, BEN VISIBILI e che fermino chi và forte. A quel punto non dico niente… FARE CASSA CON SISTEMI CHE TI GARANTISCONO UN NON CONTROLLO 24×7 è da CANI.
      Vuoi fare sicurezza, fermi la gente e gli togli la patente

      Altrimenti io che ho soldi per pagare la mancata comunicazione dei dati della persona al volante o io che ho una macchina rumena, polacca ecc ecc continuo a girare tranquillo. Solita roba da Italia, il cittadino normale è di serzie C2 e tutti gli altri di serie A. Mi spiace che siate convinti che siano certe cose a risolvere il problemi di questi territori…

      Per me questa è l’ennesima prova che questi che hanno queste idee PER IL TERRITORIO dovrebbero andare a fare politica in altri stati

      Rispondi
  10. Costretto afarelaporrettanaperlavoro

    Bene! Aumenteremo la sicurezza.Ma perche fermarsi qui se non fosse solo una SCUSA? La.sicurezza e una strada dove non si è costretti a restare dietro ad un veicolo per km perché mancano tratti adatti al sorpasso! La SEGNALETICA lungo il tratto porretta sasso marconi e scandalosa . Alla fine dei centri abitati non esiste il cartello. O le amministrazioni pretendono che si percorra tutta la ss64 a 50 km. Se marzabotto o vergato pensano che il traffico per il paese sia un pericolo ( e lo penso anch’io ) perché non si dichiarano a favore di una circonvallazione fuori dai loro centri abitati? O vogliamo solo FARE CASSA A SPESE DI TURISTI CHE SICURANENTE NON AVRANNO UN BEL RICORDO DI TUTTA LA NOSTRA VALLE?

    Rispondi
  11. Massimo

    Ma dico: E’ cosi faticoso rispettare i limiti di velocità imposti dal codice, come succede in tutti i paesi che definiamo civili?
    Rispetti il limite, c’è più sicurezza, e nessuno fa cassa. Per andare dove devi andare ti alzi o parti 5 minuti prima. Come succede dappertutto.
    Il fatto è che in Italia ci piace fare quella cippa che ci pare. Bene prendere ad esempio l’efficienza dei paesi che difiniamo civili… Iniziamo a prendere ad esempio anche i comportamenti dei cittadini che ci abitano…
    Andate a vedere in Norvegia, ad esempio, i limiti che ci sono, le strade che hanno (La Porrettana per loro è un autostrada), e vengono rispettati alla virgola. Vai a vedere se lì gli autovelox sono segnalati come in Italia (qui lo sono tutti, anche quelli mobili perchè la legge lo impone) e soprattutto come sono le sanzioni…
    Il punto è sempre quello, vogliamo fare quello che ci pare, ci danno fastidio i controlli, serve solo per fare cassa… Ma Basta!!! Ognuno si prenda le responsabilità dei propri comportamenti.
    Si va troppo forte? C’è GIUSTAMENTE il Velox, ci sono troppe buche, Bene, DEVONO essere rattoppate. Sono cose differenti.
    Buona giornata a tutti.

    Rispondi
  12. Maurizio

    Sono d’accordo che i limiti debbano essere rispettati ma deve essere anche garantita la percorribilità della strada che, ricordiamolo, è da 40 anni che attendiamo abbia una percorribilità decorosa.

    Vorrei sapere quante multe hanno fatto alla SAPABA per aver infangato regolarmente il manto stradale.
    Alla curva di Bini, a Marzabotto andando verso Sasso, pur andando ben sotto il limite di velocità una volta mi sono trovato a fare quasi un testa e coda su un fondo stradale appena umido. (La pioggia battente avrebbe lavato il manto e quindi questa sarebbe stato meno scivoloso).
    Un’altra volta, dopo quella curva verso il centro abitato, in leggera discesa, sempre con manto stradale appena bagnato, ho toccato i freni e la macchina si è messa a patinare sugli pneumatici.
    Una mia amica, che va a passo di lumaca con un fuoristrada, è finita nel fosso dalle parti di Sibano e non è ancora riuscita a capire né il perché né ad avere un risarcimento dalla Provincia, eppure il punto è oramai noto per varie uscite di strada inspiegabili. Quando l’ho saputo gliel’ho detto io il perché!
    Prima degli autovelox vorrei vedere i camion della SAPABA non sgocciolare più sull’asfalto!
    Ecco da dove derivano un buon numero di incidenti!

    Non parliamo della situazione del manto stradale!
    Ora che hanno asfaltato un piccolo tratto poco prima di Vergato venendo da Riola, mi sembra un sogno.

    C’è chi corre per correre ma c’è anche chi vorrebbe poter evitare di stare in coda per 40 Km.
    Dove sono i tratti per poter superare i mezzi pesanti ed i nonni con la vecchia Panda ed il cappello?
    Scommettiamo che gli Autovelox saranno installati proprio in quei pochi tratti che ora permettono di superare i mezzi lenti?
    Perché invece non li mettono nei tratti a zig zag, dove andare forte e superare è effettivamente pericoloso?

    Vergato ci ha fatto una fortuna con i semafori intelligenti; ora, forse per invidia, Marzabotto, che di semafori non ne ha, vuole anche lei degli incassi da multe perché fanno un gran bene al bilancio comunale.
    In questi tempi di vacche magre, in cui lo Stato non elargisce più nulla agli enti locali, per poter mantenere le spese occorre trovare modi nuovi per incassare e … multa non olet!

    Rispondi
  13. Doriana

    La situazione della Porrettana è indecente ! La strada in sè è assolutamente obsoleta e già questo è inaccettabile di per sè figurarsi x una strada collinare tutta a curve e che attraversa di continuo centri abitati ! Ovviamente già questo rende la percorrenza particolarmente pesante e lenta. Aggungo che regolarmente accadono: smottamenti, frane, micro-rifacimenti fatti chissà come….interruzioni da semafori (tutti o quasi dotati di T Red, molti come a Vergato subito prima o dopo curve e “opportunamente” tarati per sconcertare chi sta arrivando…il passaggio tra verde, giallo e rosso troppo repentino anche da quasi fermi)…l’ immissione continua di altre macchine , la frequente presenza di persone che per eccessiva prudenza stanno bene al di sotto dei limiti (molti vanno a 40 per tutto il percorso essendo pensionati o comunque non avendo evidentemente orari di lavoro da rispettare)….altri che invece corrono come fossero a Monza….la contemporanea presenza di pedoni, ciclisti a branchi, apetti, motorini….TIr, camion, autocarri, autoarticolati, furgoni di ogni dimensione, quantità impressionante di persone che non solo impegnano una mano al telefono ma addiritturano Digitano mentre guidano ! Fondo stradale da crimine, ho anche io assistito a vari incidenti di auto che improvvisamente pattinavano facendo testa-coda !!! Il tutto su una strada di 47 km da Porretta a Bologna, indecorosamente a doppio senso con la carreggiata troppo stretta e costeggiante in più punti il percorso del fiume Reno !
    E’ troppo rischioso continuare così, di urgenza andrebbe limitato di molto il transito camion convogliandolo sul tratto autostradale Castiglione Pepoli, Rioveggio, Bologna, iniziata immediatamente e celermente una bretella da Vergato a Rioveggio, fatte rotatorie a sostituzione semafori almeno a carbona, Vergato e Pian di Venola…non ci sono i soldi ? che ci hanno fatto con tutti quelli di cassa, con le tasse e con i megapizzi delle multe ? con tutto che ovviamente in caso di infrazioni ad esclusiva responsabilità degli automobilisti ( escludendo quindi semafori ambigui, e situazione generale stradale, mancato intervento sui punti da me suddetti) le multe restano giuste.
    L’urgenza e la vera buona politica devono assolutamente prendere il posto dell’ assudditamento alla mancanza di etica imperante e allo sfruttamento dei cittadini di buona volontà.

    Rispondi
  14. Luigi

    propongo invece a tutti gli automobilisti di rispettare alla lettera i limiti velocità così andremo a misurare le lunghe code di automobili che si creeranno e nel contempo non regaleremo dei soldi a questi enti.

    Rispondi
  15. Ettore Scagliarini

    Doriana ha centrato il problema nel suo nocciolo : la SS 64 Porrettana è, in gran parte, impostata su un tracciato di mulattiera medioevale un po’ allargato, male asfaltato, con buche coeve, semafori trabocchetto ed altro ancora . Certo vi sono persone che non avendo nulla da fare lo vanno a fare in auto, magari andassero ai 40 ! Vi sono anche gli epigoni di Niky Lauda che viaggiano a velocità esagerate, dato il tipo di strada è già una velocità limite fare gli 80 . Mancano i soldi per fare una strada da paese civile ? Basterebbe che si smettesse di rubare , sto parlando del mondo Burocratico, Politico ed Amministrativo, ovvio . Ogni anno per corruzioni, furti di chi sta in alto e sperpero di pubblico danaro “scompaiono” circa 300 miliardi di € dalle casse dello stato ( avete letto bene : 300 miliardi di € ) . Se qualcuno vuole lumi su come si fa a sapere detta cifra, grazie a calcoli elementari, può richiederlo .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *