CASALECCHIO: Gioco d’azzardo lecito e distanza minima dai luoghi sensibili

0
172

 

Casalecchio di Reno approva per primo in regione un Regolamento che tiene conto delle modifiche alla Legge Regionale 5/2013

 

È stato approvato nella seduta consiliare di ieri pomeriggio il “Regolamento per la prevenzione e il contrasto delle patologie e delle problematiche legate al gioco d’azzardo lecito” che, per la prima volta in regione, tiene conto delle distanze minime dai luoghi sensibili di slot machines e sale slot, così come stabilite con la Delibera di Giunta Regionale n. 831 del 12 giugno 2017 che reca le “Modalità applicative del divieto alle sale gioco e alle sale scommesse e alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito (L.R 5/2013 come modificata dall’art. 48 L.R. 18/16)”.

 

La novità fondamentale di questo regolamento – approvato con il voto favorevole del gruppo consiliare PD che costituisce la maggioranza, mentre ha votato contro Forza Italia e non hanno partecipato alla votazione Movimento 5 Stelle, Lista civica Casalecchio di Reno e Lega Nord – è l’introduzione delle distanze dai luoghi sensibili per le sale gioco, sale scommesse e gli esercizi commerciali che ospitano slot machines che non potranno svolgere l’attività di gioco se si trovano a meno di 500 metri di distanza da uno dei luoghi sensibili definiti dalla Regione (scuole di ogni ordine e grado, luoghi di culto, strutture socio-sanitarie, ecc.).

Oltre al regolamento, è stata approvata la mappatura dei luoghi sensibili presenti sul territorio comunale, indispensabile per il calcolo delle distanze che dovrà essere fatto.

Le sale slot che si trovano all’interno dei 500 metri avranno poi 6 mesi di tempo se decidono di chiudere oppure un anno se scelgono di spostarsi, mentre gli esercizi commerciali che ospitano slot machines, al termine delle concessioni in essere, non potranno rinnovarle.

A Casalecchio di Reno sono presenti 41 attività commerciali che ospitano slot machines al loro interno e 4 sale gioco/sale scommesse dedicate, per un totale di 175 slot machines (una ogni 208 abitanti).

 

Dichiarazione di Massimo Bosso, Sindaco di Casalecchio di Reno

“Il provvedimento ci dà il tempo per aprire un confronto con le attività che ospitano slot all’interno della fascia di rispetto per supportarle nella riconversione degli spazi.

I segnali che arrivano dal territorio sono preoccupanti e denotano una propensione al gioco in continuo aumento con tutte le implicazioni negative che questo comporta. Come amministratori non possiamo non intervenire consci degli effetti che questo fenomeno ha sulla salute e sui rapporti sociali. Non si tratta di proibizionismo ma di riduzione dell’offerta e conseguentemente del danno. Crediamo che le nostre attività commerciali siano mature per ragionare assieme alle Istituzioni di come superare questa condizione con il supporto della comunità tutta e per il bene della comunità stessa”.

 

Dichiarazione di Massimo Masetti, Assessore al Welfare

“L’approccio dell’Amministrazione a questo tema segue tre linee di azione ben definite: 1) prevenzione, con azioni rivolte alle scuole ai lavoratori e a tutti i cittadini per diffondere una differente cultura di approccio al gioco d’azzardo. L’obiettivo è fornire a tutti i cittadini gli strumenti culturali per un’analisi corretta dei rischi legati al gioco, in contrapposizione rispetto alla promozione sfrenata e alle illusioni di vincita facile che vengono proposte ormai ovunque tramite i vari canali pubblicitari; 2) promozione, realizzando azioni e adottando provvedimenti per sostenere le attività commerciali che fanno la scelta di dismettere le slot machines, anche sollecitando la Regione a sostenere le riconversioni dei locali; 3) contrasto adottando provvedimenti per limitare la diffusione dei punti di gioco sul territorio e per arginare le occasioni di gioco tutelando prioritariamente le fasce più deboli (es. ordinanza di restrizione oraria)”.

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here