SASSO MARCONI: Dal Sahara a Sasso Marconi

sharawi

Accolti in Municipio i bambini Saharawi in visita alla nostra città

Un gruppo di bambini (8-9 anni di età) provenienti dai campi Saharawi del Marocco, si trova in questi giorni a Sasso Marconi nell’ambito di un programma di scambi e di esperienze didattiche che coinvolge l’Amministrazione comunale, le scuole e alcune realtà del territorio impegnate nel campo della cooperazione internazionale.

 

Nella giornata di ieri, 20 luglio, i bambini – 12 in tutto – sono stati accolti in Comune dall’assessore Marilena Lenzi (Cooperazione internazionale e Istruzione) per un saluto e un incontro istituzionale, cui hanno partecipato anche i loro accompagnatori (volontari e operatori dell’associazione “El Ouali”, di cui 2 provenienti dal Saharawi) e l’insegnante Michela Ruggeri dell’Istituto Comprensivo del capoluogo.

 

Nella Sala Consiliare del Municipio, i bambini hanno assistito alla proiezione di un video che documenta la progettazione di una scuola nel deserto (così come la immaginano gli studenti Saharawi) e osservato il plastico con cui i loro coetanei di Sasso Marconi (e i loro insegnanti) hanno riprodotto il Polo Scolastico del futuro, per poi intonare un canto ‘del deserto’ in onore della nostra città.

 

I bambini provenienti dal Saharawi si tratterranno a Sasso Marconi fino al 26 luglio presso la sede del Cenacolo Mariano “Padre Kolbe” di Borgonuovo.

Ricordiamo che il Comune di Sasso Marconi contribuisce da anni all’accoglienza dei bambini Saharawi durante il periodo estivo. I bimbi hanno così la possibilità di trascorrere un tranquillo periodo di soggiorno lontano dalle torride temperature del deserto e dai campi (in cui sono costretti a vivere in condizioni di povertà e isolamento socio-culturale), e partecipare alle attività dei centri estivi di Sasso Marconi, socializzando con i loro coetanei italiani: nello specifico, quest’anno i nostri piccoli ospiti partecipano alle attività del Centro estivo di Villa Marini, curato dall’associazione “Senza il banco”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *