La settimana del Festival del Cinema di Porretta Terme entra nel vivo

Continuano il programma per le scuole e la retrospettiva dedicata ad Abel Ferrara e prosegue il concorso “Fuori dal Giro”

0
360

Gian Maria Volontè

 

Il Festival del Cinema di Porretta entra nel vivo e si avvicina al gran finale di sabato 14 dicembre che vedrà l’arrivo di Abel Ferrara, la cerimonia di premiazione del Premio Elio Petri e il premio alla carriera a Citto Maselli.
Le scuole, sempre più protagoniste, i film in concorso e la retrospettiva dedicata ad Abel Ferrara.

MERCOLEDI’ 11 DICEMBRE
La giornata si apre con l’appuntamento dedicato alle scuole.
Alle 09.30 al Cinema Kursaal, l’EVENTO SPECIALE SCUOLE con la proiezione di La famosa invasione degli orsi in Sicilia (82 min) di Lorenzo Mattotti, evento organizzato in collaborazione con BILL, Biblioteca della legalità.
Alle ore 18.00 prosegue la rassegna dedicata all’ospite d’onore del Festival Abel Ferrara, con il film China girl (1987 – 89 min).
Alle 21.00 il Festival del Cinema di Porretta incontra Sedicicorto, appuntamento giornaliero con  una selezione dei corti vincitori dell’ultima edizione della kermesse forlivese; questa sera Memorie di alba (6 min) di Andrea Martignoni e Maria Steinmetz.
A seguire, per il concorso “Fuori dal giro” la proiezione del film Sole (102 min) di Carlo Sironi che sarà presente in sala.
Al termine del film ci sarà il Q&A organizzato in collaborazione con SNCCI – Sindacato Critici Cinematografici Italiani – Emilia Romagna/Marche che vedrà critici e giornalisti membri dell’associazione moderare l’incontro. Questa sera ci sarà Paola Olivieri.

SINOSSI
Ermanno è un ragazzo che passa i suoi giorni fra slot machine e piccoli furti; Lena ha la sua stessa età, è appena arrivata dalla Polonia per vendere la bambina che porta in grembo e poter iniziare così una nuova vita. Ermanno deve fingere di essere il padre per permettere a suo zio e alla moglie, che non possono avere figli, di ottenere l’affidamento attraverso un’adozione tra parenti.  Alla nascita di Sole, però, tutto cambia: mentre Lena cerca di negare il legame con sua figlia, Ermanno inizia a prendersene cura come se fosse il vero padre e tra i due ragazzi cresce un legame inatteso.

GIOVEDI’ 12 DICEMBRE
Dalle 09.30 alle 13.30 con GOMMA BICROMATA – CAFFÈ CORTO, la rassegna di cortometraggi Emiliano – Romagnoli, selezionati da Sedicicorto.
Alle 18.00 la retrospettiva dedicata ad Abel Ferrara con Searching for Padre Pio (2015– 51 min). Alle 21.00 per FCP INCONTRA SEDICICORTO, il corto L’inconveniente di avere il c… (4 min) di Astutillo Smeriglia.
A seguire il film in concorso Il mangiatore di pietre (109 min) di Nicola Bellucci che sarà presente in sala.

SINOSSI
Piemonte, una valle ai confini con la Francia. In una notte d’autunno affiora dalle acque di un torrente il cadavere di un uomo fulminato da due colpi di fucile. A ritrovarlo è Cesare (Luigi Lo Cascio), detto il Francese, passeur che da anni ha lasciato il mestiere di contrabbandiere e vive con la sua lupa chiuso nella solitudine di una baita.    Il maresciallo Boerio (Leonardo Nigro) è incaricato di investigare la morte del giovane Fausto, ma il suo legame con la mafia locale verrà presto messo in discussione dalla commissaria Sonia Di Meo (Ursina Lardi). I diversi destini si intrecciano quando Sergio, un giovane del paese (Vincenzo Crea), scopre un gruppo di rifugiati in una capanna abbandonata.    Girato in Piemonte (Val Varaita, Cuneo) e in Ticino (Val Bavona), «Il mangiatore di pietre» è la trasposizione sul grande schermo dell’omonimo bestseller di Davide Longo.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here