APPENNINO E CORONAVIRUS: La Proloco Biagioni tra solidarietà e preoccupazione

0
1745

 

 

L’emergenza sanitaria in atto non ha certo risparmiato le Proloco e le Associazioni di Alto Reno Terme, un esercito di volontari che contribuiscono, a fianco delle istituzioni, a tenere vivo il territorio con eventi enogastronomici, culturali, musicali e con una massiccia presenza di turisti e visitatori soprattutto nel periodo estivo.

Come tutti gli anni era stato già preparato da tempo un ricco programma, ma l’emergenza sanitaria del coronavirus ha comportato il conseguente annullamento degli eventi primaverili che avrebbero preceduto quelli estivi.

Tutto è stato stravolto dall’emergenza, dai piccoli ai grandi eventi agli incontri di poche o tante persone, alle riunioni anche istituzionali.

La Proloco Biagioni, come le altre proloco e associazioni del territorio, si trova oggi nell’attesa di uscire dall’emergenza e di poter realizzare qualche evento nel periodo estivo.

Abbiamo chiesto al suo Presidente, Antonio Gaggioli (nella foto) quali sono le sensazioni in merito al momento storico che stiamo vivendo.

“Sicuramente l’emergenza coronavirus è una situazione che ci ha stravolto nelle abitudini, negli affetti, nei progetti e ad oggi ci sentiamo confusi e rattristati avendo annullato come Proloco anche gli eventi primaverili”

 

?

E quindi come vede il futuro prossimo della Proloco?

“Purtroppo non mi sento di fare nessun pronostico futuro e nessuna programmazione, restiamo in attesa del via libera da parte delle istituzioni. Secondo me, non prima di giugno sapremo come muoverci per il periodo estivo, viste le ulteriori restrizioni governative. Speriamo che prima dell’estate l’emergenza sia finita, ma allo stato attuale dobbiamo essere tutti rispettosi delle regole imposte per debellare il contagio del coronavirus”.

Pensa che la famosa e storica Sagra del Tortellone Montanaro di agosto si potrà realizzare?

“Lo spero con tutto il cuore perché significherebbe l’uscita dall’emergenza, sperando  che il coronavirus non arrechi ripercussione sulle presenze in montagna nel periodo estivo, sia per la nostra Proloco di Biagioni che per tutte le altre proloco e associazioni  e per tutti i turisti che attendono con ansia i nostri eventi affollando Biagioni.”

Tante auto..tanti turisti alla Sagra del Tortellone della scorsa edizione

 

Dopo questa emergenza quanto potrebbe essere importante l’unità fra Proloco e Associazioni di Alto Reno Terme?

“E’ importante la collaborazione fra noi, perché non abbiamo scopo di lucro, tutto ciò che facciamo è per amore del territorio e solo restando uniti e aiutandoci a, vicenda potremo ottenere buoni risultati per attirare turisti e visitatori e anche per sostenere le istituzioni locali”

La Proloco Biagioni è sempre stata vicina alle iniziative del territorio, ambientali, religiose, storiche e qualche anno fa anche sociali, con il sostegno all’ANT organizzando un pranzo di beneficienza. Ora, nonostante la preoccupazione, ha dato un segnale di solidarietà importante, ci dice di cosa si tratta?

Certamente! La Proloco Biagioni ha fatto un’offerta alla Fondazione Policlinico Sant’Orsola “PIU’ FORTI INSIEME” per la lotta al coronavirus sostenendo l’Ospedale. Penso che in un momento difficile e sofferto come questo ognuno può fare qualcosa e noi l’abbiamo fatto per stare vicino a chi ogni giorno sta affrontando questa guerra in prima linea, con sacrificio e abnegazione. La Proloco ha deciso, inoltre, che, una volta finita l’emergenza, organizzerà un pranzo di beneficenza insieme alla vicina Associazione Culturale Olivacci e Dintorni  e a qualunque altra realtà associativa che volesse unirsi a questa iniziativa. Il ricavato, ancora una volta, sarà devoluto alla Fondazione Sant’Orsola. Perché uniti si vince e ognuno è chiamato a fare la sua parte per il bene della collettività”.      

 

 Foto di Pasqualina Tedesco

 

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here