La Città metropolitana potrà gestire il Personale anche per le Unioni di Comuni e altri enti del territorio

Al via un radicale cambio organizzativo che porterà risparmi e maggior efficienza nella PA locale

0
668

Un software integrato che può gestire le buste paga dei dipendenti per le Unioni di Comuni della città metropolitana di Bologna e progressivamente ampliare il supporto. È questo l’obiettivo del progetto avviato a Palazzo Malvezzi grazie al quale si conta di essere in grado di supportare la gestione delle amministrazioni interessate producendo così risparmi e maggior efficacia ed efficienza.

La Città metropolitana ha infatti acquistato un software grazie al quale verrà integrata la gestione di trattamento economico, stato giuridico, organigrammi, curricula, presenze e cartellino, formazione del Personale di Palazzo Malvezzi, un processo di riorganizzazione di procedure e sistemi che già in queste settimane vede impegnati gli uffici che si dedicheranno alla realizzazione del progetto.

Il Software acquistato è multiente e nei prossimi mesi verrà implementato per far sì che possa gestire le stesse funzioni anche per le unioni di Comuni del territorio o altri Enti.

In questo modo – oltre ad una maggior efficacia dovuta alla gestione centralizzata – si avrebbe evidentemente un risparmio importante per i diversi enti sia a livello di personale dedicato che di licenze software.

“È un cambio radicale dal punto di vista organizzativo – dichiara il vicesindaco metropolitano con delega al Personale Daniele Manca – che rafforzerà il ruolo della Città metropolitana come una federazione di Comuni e concretizzerà lo sforzo che stiamo facendo per attuare quello che è scritto anche nello Statuto della Città metropolitana e cioè di essere a servizio del territorio e delle unioni Comuni”.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here