CARABINIERI CALDERARA: “Operazione Ceres”: ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 42enne italiano.

0
1050

I Carabinieri della Stazione di Calderara di Reno hanno eseguito
un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un
quarantaduenne italiano, indagato per rapina. L’uomo, nato a Sassuolo,
residente a San Giovanni in Persiceto, è finito in manette per una rapina a
mano armata commessa nei confronti del cassiere di una sala giochi di via
Bargellino. Fatti accaduto la sera del 21 ottobre scorso. Il rapinatore si
era avvicinato al dipendente e dopo avergli mostrato il calcio di una
pistola nascosta all’interno della giacca, gli aveva detto: “Guarda io ti
rispetto, non ti voglio fare del male, dammi tutti i soldi che hai”. Il
cassiere, spaventato dalla situazione, consegnava una cassetta contenente
16.435 euro. A quel punto, il malvivente che era stato descritto: alto,
robusto, capelli corti, barba incolta, sulla quarantina e con accento
napoletano, usciva dalla sala giochi e si allontanava con uno scooter di
colore scuro con il quale era stato visto arrivare. I Carabinieri avevano
scoperto che il soggetto in fuga era un cliente che aveva l’abitudine di
frequentare la sala giochi vestito con l’uniforme da pizzaiolo e di
consumare la stessa marca di birra accompagnata da una sigaretta. Le
indagini svolte dai Carabinieri di Calderara di Reno, coordinati dal
Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Bologna, Dott.
Antonio Gustapane, hanno permesso l’individuazione di chiari e concordanti
elementi indiziari a carico di un pizzaiolo dipendente di una trattoria di
Bologna. L’uomo, identificato nel quarantaduenne di San Giovanni in
Persiceto, è gravato da numerosi precedenti di polizia. L’operazione di
cattura, denominata “Operazione Ceres”, è scattata con un consistente
dispiegamento di Carabinieri della Stazione di Calderara di Reno. Il
soggetto, individuato in zona Bolognina, mentre si accingeva a iniziare la
propria giornata lavorativa, è stato tradotto presso la Casa Circondariale
di Bologna.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here