Sulla questione relativa all’ampliamento dell’istituto Majorana e agli esuberi, il consigliere metropolitano Daniele Ruscigno precisa quanto segue:
“Su oltre 8000 iscritti alle scuole superiori della città metropolitana, sono circa 200 gli studenti che sono stati indirizzati sulla seconda scelta espressa al momento dell’iscrizione, garantendo comunque il principio del diritto degli studenti alla scelta dell’indirizzo di studio.
Per quanto riguarda l’ampliamento del Majorana, come già annunciato e concordato con il dirigente scolastico già lo scorso anno, si tratta di un intervento inserito nel piano triennale del Ministero del programma mutui bei 2018/2020, previsto sull’annualità 2020. I finanziamenti devono ottenere la conferma, che avviene annualmente, dallo Stato, che autorizza la Regione alla stipula del mutuo che successivamente comunica alla Città Metropolitana l’effettiva disponibilità dei fondi per avviare la procedura di gara, che, altrimenti per legge è impossibile da avviare.
Ricordo inoltre che l’istituto Majorana presenta un’anomalia rispetto agli altri istituti tecnici che hanno percorsi specifici, in quanto prevede nella propria offerta formativa anche il percorso liceale. Questa scelta fu fatta una decina di anni fa per dare una risposta rispetto al calo di iscrizioni all’Istituto. E’ facoltà della scuola, già da anni, scegliere di ridurre la propria programmazione liceale, presente sul territorio con più alternative, anche a poche centinaia di metri dalla propria sede, e mantenere gli indirizzi tecnici. Cosa che non è avvenuta, preferendo invece riorientare gli iscritti agli indirizzi tecnici nelle altre scuole, più lontane, presenti nel territorio metropolitano.
SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here