S. LAZZARO DI SAVENA: Un progetto per la nuova casa della Salute

0
308

 

La creazione di nuovi spazi in via Repubblica permetterà di ampliare l’offerta sanitaria
Un ampliamento e una riorganizzazione degli spazi per incrementare l’offerta di servizi sanitari e dare alla Casa della Salute di San Lazzaro un ruolo ancora più centrale per gli abitanti della città e i residenti di tutto il Distretto.
Questo l’obiettivo del progetto di ampliamento della Casa della Salute di via Repubblica, che vede il Comune di San Lazzaro, l’Azienda Usl e il Comune di Bologna insieme per la realizzazione dell’opera, che comprende anche la riqualificazione energetica dell’intero edificio, nell’ottica di riduzione dei consumi.
“Questo progetto parte dalla volontà di rendere la Casa della Salute di San Lazzaro un vero punto di riferimento per la salute e la prevenzione di tutto il distretto di San Lazzaro – spiega il sindaco di San Lazzaro, Isabella Conti -. Luoghi come questi sono fondamentali, soprattutto in una società che invecchia molto rapidamente. Solo a San Lazzaro gli over-75 sono il 13% della popolazione, con un tasso di anzianità del 211%. E’ quindi fondamentale implementare i servizi socio-sanitari, a partire dalla nostra casa della salute, mantenendone posizione centrale e accessibile a tutti i cittadini. E’ dovere delle istituzioni sostenere progetti come questo”.
La ristrutturazione della Casa della Salute richiederà un investimento pubblico di 3,4 milioni di euro e si svilupperà in due step: il primo riguarderà la riqualificazione energetica dell’edificio, per la quale il Comune può accedere a incentivi e finanziamenti statali e regionali per l’efficientamento energetico. La seconda parte, che prevede l’ampliamento della struttura e la creazione di un nuovo corpo laterale, ovviamente senza consumo di suolo, sarò finanziato grazie alla vendita delle azioni Hera del Comune di San Lazzaro”.
“La Casa della Salute di San Lazzaro è un esempio interessante, sia per quanto riguarda l’investimento del Comune, sia per la sua finalità, che è quella di fare promozione della salute a 360 gradi – aggiunge Giuliano Barigazzi, assessore alla Salute del Comune di Bologna e presidente della Conferenza Socio Sanitaria -. Questo progetto dà l’opportunità di costruire un comunità scientifica e medica in grado di affrontare il tema della longevità e dell’invecchiamento attivo, che deve essere il punto di partenza fondamentale per ripensare il nostro sistema di Welfare. Per questo la nuova struttura sarà un punto di riferimento non solo per la salute, ma anche a livello socio-assistenziale”.
In linea con gli standard più moderni e le linee guida della Regione Emilia-Romagna in materia di sicurezza, il nuovo corpo permetterà di potenziare i servizi sanitari attualmente presenti e di attivarne di nuovi.
Saranno ad esempio previsti nuovi spazi per gli ambulatori, consentendo di ampliare l’offerta e la varietà delle specialità attualmente presenti alla Casa della Salute (14 in totale), ad esempio introducendo reumatologia, gastroenterologia e psichiatria.
L’ampliamento e la riorganizzazione degli spazi, renderà possibile anche lo sviluppo di attività innovative di prevenzione, come l’approccio multi-disciplinare e integrato per la gestione delle patologie croniche, come il diabete, il Parkinson e le demenze senili.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here