Presentato il libro: “Misteri e manicaretti a Bologna”

Racconti gialli e ricette per scoprire Bologna in modo insolito e risolvere il mistero del calice di San Donato.

0
372

   Daniele Ara, presidente del Q. Navile

Gremitissima la sala della Coop Ambasciatori lunedì 24 giugno per la presentazione ufficiale di “Misteri e manicaretti a Bologna” delle Edizioni del Loggione. Hanno dialogato con gli Autori e le  Autorità il giornalista Stefano Zanerini e Simone Metalli, direttore editoriale
della collana Brividi a Cena della casa editrice Edizioni del Loggione.
Letture di Debora Pometti e Romano Romani.
Racconti gialli ambientati nei quartieri di Bologna e ricette del territorio: è questa l’idea lanciata dalle Edizioni del Loggione di Katia Brentani e Massimo Casarini, casa editrice che con il patrocinio del Comune di Bologna ha presentato alla libreria Coop Ambasciatori
“Misteri e manicaretti a Bologna”. Alla presenza di Federica Mazzoni, Presidente Commissione Istruzione e Cultura del Comune di Bologna, Tiziana Primori, Amministratore Delegato di Fico Eataly World e i Presidenti dei Quartieri Daniele Ara, Simone Borsari e Marzia Benassi.
Matteo Lepore, Assessore Cultura, Turismo e promozione della città di Bologna, non ha potuto essere presente per impegni istituzionali.
L’intervista a Federica Mazzoni
Uno stralcio della sua prefazione:
“La grassa e dotta Bologna, tanta buona cucina e un pizzico di mistero. Sono gli ingredienti delle storie di questo libro, tutte ambientate in città. Brevi racconti sulla sua tradizione culinaria – quella che ha reso la nostra città famosa in tutto il mondo e che attrae sempre più turisti – sulla bolognesità ambientati in luoghi noti e meno noti, da piazza Spadolini alla Bolognina, dalla Barca ai Giardini Margherita. Le vie della cucina sono infinite e se da un lato è sinonimo di festa, allegria e gioia, dall’altro la cucina può essere anche al centro di un giallo. O, per meglio dire, di una serie di racconti gialli.
In questo volume troverete anche alcune ricette tradizionali che la Camera di Commercio e Bologna Welcome, l’agenzia di promozione turistica, pubblica sul suo sito internet. Un lavoro partito un anno fa, che ha visto coinvolti anche i Presidenti dei Quartieri che si sono
messi a disposizione dei giovani autori per suggerimenti e qualche “dritta”.
“Brividi a cena” è un’iniziativa molto importante che entra a pieno nel “Patto di Bologna per la Lettura”, il programma che abbiamo lanciato un anno fa con l’obiettivo di promuovere in modo continuativo, trasversale e strutturato la lettura e la conoscenza in tutte le loro
forme. Alla base del Patto abbiamo posto la considerazione che lettura e conoscenza siano fattori indispensabili per la costruzione di una società più libera, consapevole e attenta alle diversità, alla quale tutti i cittadini e le cittadine, le associazioni, le imprese e le istituzioni di Bologna possono contribuire ogni giorno.”
Marzia Benassi, presidente Q. Savena
Una città, tante storie, tanti quartieri e punti di vista diversi. Una stimolante sfida per gli autori di Brividi a Cena.
Raccontare Bologna oggi, seguendo le orme di padri nobili da Carlo Lucarelli a Loriano
Macchiavelli, passando per Giampiero Rigosi o John Grisham, è anche raccontare una città che non è più solo la patria della cucina godereccia, del miglior modello socioculturale d’Italia o cuore pulsante e produttivo europeo. E’ anche raccontare una città che, specchiandosi, ha scoperto zone d’ombra e momenti bui con cui fare i conti. Tutto
questo è entrato a fare parte di quel suo lato oscuro ed esoterico, pieno di fascino e meta di un turismo sempre più innamorato.
Simone Borsari, presidente del Q. San Donato
Dopo questa presentazione parte un vero e proprio tour per i quartieri di Bologna in compagnia degli autori.
Il libro sarà distribuito in tutte le librerie.
SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here