CITTA’ METROPOLITANA: Seminario sulla povertà educativa degli adulti e la costruzione di reti territoriali

2
521

 

 

Creare un’educazione degli adulti sempre più inclusiva ed efficace grazie alla costruzione di reti territoriali per l’apprendimento, in ogni città d’Italia. È questo il tema al centro del seminario interregionale “L’apprendimento permanente che fa rete: superare la povertà educativa della popolazione adulta attraverso la costruzione di reti territoriali”, che si terrà a Bologna giovedì 30 gennaio a Palazzo Malvezzi, dalle 9,30 alle 17 (Sala del Consiglio via Zamboni 13 – Bologna).

Sono previsti gli interventi di Laura Venturi, dirigente Area Sviluppo sociale Città metropolitana di Bologna, Pietro Tagliatesta, dirigente del Ministero del lavoro, Sebastian Amelio, dirigente del Ministero dell’Istruzione e Lorenza Venturi, Capo Unità EPALE.

Il focus del seminario riguarda il ruolo delle reti territoriali per l’apprendimento permanente e le strutture di supporto deputate a prendere in carico gli adulti, previste dal 2012 dalla “legge Fornero”, e la possibilità che Epale offre di fornire strumenti a supporto della collaborazione tra le organizzazioni. Durante l’incontro saranno presentate alcune buone pratiche, come quella realizzata tra la Città metropolitana, il CPA metropolitano di Bologna, che è anche Centro regionale di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo sull’Istruzione degli Adulti per l’Emilia-Romagna.

Le reti comprendono l’insieme dei servizi di istruzione, formazione e lavoro collegati alle strategie per la crescita economica, l’accesso al lavoro dei giovani, la riforma del welfare, l’invecchiamento attivo e l’esercizio della cittadinanza attiva anche da parte degli immigrati. Questi sistemi assicurano il sostegno alla costruzione dei percorsi di apprendimento formale, non formale e informale, il riconoscimento di crediti formativi, la certificazione degli apprendimenti acquisiti e la fruizione di servizi di orientamento lungo tutto il corso della vita.

Parteciperanno all’incontro oltre 70 esperti che concorrono alla realizzazione delle reti: rappresentanti del Ministero Istruzione, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; la Conferenza delle Regioni, ANCI, Cpia, terzo settore, università, agenzie formative e centri per l’Impiego. Il seminario è organizzato da Epale Italia, l’Unità nazionale che gestisce in Italia la community europea per l’educazione degli adulti, in collaborazione la Città metropolitana di Bologna, il Forum Nazionale del Terzo Settore ed EdaForum.

COS’È EPALE L‘Electronic Platform for Adult Learning in Europe (EPALE) è l’ambiente online aperto a tutti, dedicato a chi opera nel settore dell’educazione degli adulti. Punto di incontro europeo sulle migliori pratiche ed esperienze, la piattaforma ha lo scopo di aprire all’Europa il dibattito nazionale sui tanti temi che intersecano i percorsi educativi pensati per gli adulti, anche a livello non formale. Sulla piattaforma è possibile scambiare notizie, opinioni, idee e risorse con altri professionisti in tutta Europa. Attualmente sono circa 63.000 gli iscritti e 6.000 quelli in Italia. Ogni mese oltre 100 esperti italiani del settore si registrano al portale europeo e il nostro Paese è il primo paese dell’Unione europea per numero di iscritti e il secondo nel mondo. Gli italiani sono tra i più attivi nel consultare le risorse della piattaforma, che comprendono notizie, contributi su blog e il calendario europeo degli eventi dedicati all’educazione degli adulti. L’Unità nazionale italiana EPALE ha sede presso Indire.

SHARE

2 Commenti

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here