S.S. Porrettana e inquinamento

1
1318
Mezzi pesanti passano sulla strada statale SS64 Porrettana 

Mercoledì 12 Settembre dobbiamo andare a Vergato ad acquistare vari profilati di ferro per fare alcuni lavori. In detta località vi è un’azienda ben fornita con prezzi onesti ed altamente affidabile. Ore 7,45 siamo in Via del Fossato, centro di Bologna, e partiamo per la Valle del Reno. Il mio amico Paolo, mi vede imboccare la Via dei Colli e mi chiede:”Ma non sarebbe meglio passare per Casalecchio?””A quest’ora passeremmo 3/4 d’ora fra ingorghi e semafori in attesa di imboccare la Porrettana” E’ stata la mia risposta. E così, arrivati a Sasso Marconi, ci inoltriamo nella celeberrima SS 64 Porrettana. Una fila ininterrotta di veicoli pesanti, auto, furgoni nell’uno e nell’altro senso con la solita presenza di automobilisti che non avendo nulla da fare lo vanno a fare per la strada. Alle 9,15 siamo a Vergato. Non male, poco più di Km 40 in un’ora e mezza, siamo negli standard della SS 64! Alle ore 10,08, caricata l’auto e pagato il dovuto, ritorniamo verso Bologna ove alle 11,45 arriviamo in Via del Fossato da cui eravamo partiti. Un’ora e 53 minuti, sempre negli standard della SS 64 quando vi è traffico, specialmente pesante. Per chi non fosse pratico, devo ricordare che la SS 64 Porrettana da Casalecchio sino a Vergato attraversa cittadine, paesi, borgate e gruppi di case. Lungo tutto il tragitto eravamo immersi in una asfissiante e maleolente nuvola generata dai gas di scarico di veicoli a motore. Tra l’altro, in taluni tratti, questa nebbia riduceva anche la visibilità. Mi è venuto da pensare in quali condizioni di inquinamento vivano decine e decine di migliaia di abitanti di quella zona della Valle del Reno. Inquinamento a 360° causato sia dal rombo dei mezzi pesanti che quando danno gas fanno tremare le aree circostanti, sibili di motori in fuori giri, clacson, sirene e chi più ne ha più ne metta, il tutto avvolto da una caliginosa aria di gas di scarico. La Prep, istituzione deputata al controllo dell’inquinamento, non si è neppure accorta di queste indegne condizioni di una rilevante parte di popolazione. Adesso è tutta infervorata sui camini aperti e sui barbecue, forse prodromi di ulteriori studi sull’inquinamento causato dalle flatulenze di chi ha mangiato troppa pasta e fagioli. E’ vero che cane non mangia cane e dare fastidio alle orecchie di altre “Istituzioni” non è nel DNA dei nostri servizi pubblici, ma vi è un limite all’indecenza e, nel caso della SS 64 Porrettana, siamo ben oltre a detto limite. A questo punto confermo la mia scarsissima se quasi nulla fiducia a detto Ente che sta perdendo tempo ed usando pubblico danaro per cose di scarsa influenza sull’inquinamento globale. Rimango sempre in attesa da detta Prep dei dati statistici e numerici sulle varie voci che contribuiscono a detta situazione di inquinamento . Nello specifico del tratto di SS 64, basta frequentarla, possibilmente muniti di maschera antigas.

Ettore Scagliarini
SHARE

Un commento

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here