Business is business

0
445

Poco tempo fa scrissi dell’arrivo di alcune migliaia di turisti al Cavone (Lizzano in Belvedere) con carenza di servizi igienici. Ho valutato attentamente la cosa ed ho considerato che il fatto non avrebbe tutte quelle contrarietà che si possono supporre, ma potrebbe essere la molla per un business da non sottovalutare. Partiamo da monte, ovvero dagli impianti a fune di cui si era parlato, si erano fatti convegni, adunanze e quant’altro. Diversi “Uomi d’onore” ,come diceva Antonio nel Giulio Cesare di Shakespeare parlando di Bruto e Cassio, avevano asserito che, grazie a detti impianti, arrivassero folle oceaniche anche dai più lontani siti del globo terracqueo. Stiamo con i piedi a terra. Se in un fine settimana si possono raggiungere anche le 8.000 presenze, con gli impianti di cui sopra in piena funzione, arrivare ai 40.000 se non di più, da come asserito dagli “Uomini d’onore”in merito alle folle oceaniche, sarebbe cosa di assoluta normalità. A questo punto basterebbe posizionare alcuni servizi igienici a pagamento in luoghi strategici per fare cassa senza altri impazzimenti. “Quando scappa, scappa”e pagare tra i 3 ed i 5 € a testa a seconda dell’età, del sesso e della necessità, sarebbe un gioco da ragazzi. Ammesso che solo i 3/4 dei visitatori avessero necessità impellenti, si tratterebbe sempre di 30.000 “bisognosi”. Un semplice calcolo matematico di € 4 x 30.000 darebbe € 120.000 ogni fine settimana. Tolti circa 20.000 €, a essere spendaccioni, per  acqua, carta igienica, pulizie e poco altro, resterebbero in cassa qualcosa come 100.000 € ogni fine settimana. Considerando solo 40 fine settimana in un anno si avrebbe la non disprezzabile cifra di 4 milioni di € in un anno ! Sarebbero comunque da sanzionare quei turisti che si presentassero con wc chimici portatili onde farla franca. Quindi sarebbe da valutare bene quanti servizi igienici si potrebbero mettere e dove posizionarli. Business is business !

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here