Anche Zaccanti ha detto SI’

0
515

“L’Uomo del Monte ha detto SI’…anche Zaccanti è favorevole all’impianto a fune e quindi sono convinta che si farà”

Amelia  – Belvedere

 

Sono d’accordo con lei che Giovanni Zaccanti, ex Saeco, ex Caffitaly, ex gestore degli impianti sciistici, sia una persona, anzi un imprenditore importante, però che il suo placet sia determinante. …non credo. E’ la vicinanza con l’andata alle urne che incide pesantemente sulle decisioni. Sul parere di Zaccanti, riportato sulle pagine odierne de “Il Resto del Carlino”, mi sembra vada messo in rilievo il fatto che c’è affianco, non dico dietro perchè è tutto palese e ufficiale, un accordo commerciale. L’Azienda parmense “Parmacotto”, da qualche mese di proprietà di Zaccanti,  ha firmato un contratto di sponsorizzazione con la Federazione Italiana Sport Invernali, che, guarda caso, è presieduta da Flavio Roda, lizzanese di nascita e residente a Vidiciatico, pertanto le sembra strano che Zac appoggi i desideri di Roda ? Direi proprio di no.

Flavio Roda, presidente FISI

Ma colgo l’occasione per farle rilevare che nessuno degli imprenditori locali ha investito, per ora almeno, un euro su questa iniziativa. Tutti, politici e imprenditori, dicono che è necessaria, ma tutti stanno a guardare e aspettano i (molti) soldi di Stato e Regione. Dalle recenti dichiarazioni dei politici, apparse sui quotidiani, apprendiamo che praticamente è già tutto deciso e si partirà a breve, si tratta solo di aspettare pochi mesi. Ma, gentile lettrice, le ricordo che prima di vedere i seggiolini passare sui prati di mirtilli bisognerà superare varie fasi: firme sui documenti, bando dei lavori, inizio e soprattutto fine degli stessi. E dopo la fase più delicata: esito dei bilanci. E su questi peseranno non solo i costi di personale e manutenzione degli impianti, ma anche quello di una navetta che porti i turisti (sciatori e non ) avanti e indietro dalla stazione d’arrivo della seggiovia ( o funivia) alle piazze di Vidiciatico e Lizzano, trasporto necessario per dare ossigeno ai negozi del Belvedere.

Alla Rocchetta Mattei l’imprenditore Giovanni Zaccanti consegna a Virginio Merola le 15.000 firme raccolte per la famosa bretella autostradale a Grizzana  (foto di V.Vitali) 

 

Io avrei preferito che questi capitali fossero investiti prima per la viabilità (bretella del Setta, come chiede da anni lo stesso Zaccanti, e Porrettana), poi per l’acquedotto ed infine per la connessione di telefoni e computer.

Chi vivrà, vedrà.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here