BASKET: Fortitudo batte l’ex Lamma a fil di sirena (63-62)

0
813

Foto dal sito della Fossa dei Leoni

 

Ero un po’, anzi togliamo un po’, ero scettico quando Lamma fu ufficializzato coach a Mantova, ma stasera mi devo ricredere e qui ci mettiamo un po’, anzi un bel po’.

Mantova è una gran bella squadra, Squadra con la Esse maiuscola, unita, solida e combattiva.

Tra le tante smartellate sui m… che la Fortitudo si è data in queste anni di Lega Due c’è ora da aggiungere aver tenuto Lamma, pagandolo una stagione intera, dietro una scrivania a fare poco niente.

Ma che squadra poteva venire fuori con Lamma in panchina e in campo un Candi, un Montano, un Mancinelli, un Amoroso, un Campogrande, un Cinciarini, un Ed Daniel? Solo per dirne qualcuno a caso.

La Fortitudo batte Mantova, giocando anche una difesa impeccabile nel quarto quarto.

Fino a meno quaranta secondi.

Dal possibile + 8 la Fortitudo si fa recuperare fino al -1 e l’ultimo possesso in mano.

E Rosselli invece di far scorrere il cronometro penetra immediatamente e sbaglia. Rimangono 17 secondi a Mantova per provare a vincere.

Moraschini sbaglia il tiro da tre decisivo, uno dei pochi errori del giocatore degli Sting, e la Effe tira un gran sospiro di sollievo.

Mantova si stringe attorno a Moraschini e al Coach al centro del campo, mentre Amici, autore di un tiro da tre che alla fine si è rivelato decisivo a due minuti dalla fine, battibecca con Jones, coinvolgendo anche altri giocatori BiancoBlù. La Fossa chiama e tutto si placa e la Effe può festeggiare questa sudata, ma alla fine meritata, vittoria.

Ma questa Fortitudo rimane assolutamente inspiegabile.

Come molte scelte fatte in passato.

Enrico Pasini

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here