A seguito dell’avvio dei lavori di messa in sicurezza di ampi tratti della “A1-Panoramica”, i Sindaci di Castiglione, San Benedetto e Monzuno chiedono un confronto urgente con Autostrade e Regione per limitare gli impatti negativi sul territorio.

 

Dopo il Ponte Morandi la questione sicurezza dei viadotti autostradali è prepotentemente, e giustamente, diventata una priorità. Autostrade ha così definito un piano corposo di interventi di manutenzione straordinaria per migliorare gli standard di sicurezza su tutti i tratti in sua concessione, tra cui anche la “A1 Panoramica”.

Lavori avviati di recente che però stanno generando enormi disagi al territorio interessato, ossia il crinale dell’appennino bolognese, con chiusure continue del tratto della A1 Panoramica tra Rioveggio-Roncobilaccio. Una gestione che i sindaci del territorio non condividono, soprattutto per la totale mancanza di coinvolgimento sulle scelte operate.

Oltre ai disagi in caso di neve, come dimostra l’episodio del 2/3 dicembre, le chiusure continue e prolungate del tratto in questione stanno generando ricadute negative sui territori limitrofi ai caselli di Rioveggio, Piano del Voglio e Roncobilaccio e soprattutto sulle due aree di servizio di Roncobilaccio, costrette alla chiusura del servizio (con aggravi pesanti sul personale).

Il territorio appenninico non è nuovo nel subire disagi a causa di realizzazione o manutenzione di importanti infrastrutture a valenza nazionale: basti pensare alla realizzazione della Variante di valico o a i prossimi lavori di manutenzione della Ferrovia Direttissima. Quello che i Sindaci più lamentano è la totale mancanza di informazioni e coinvolgimento nella gestione di tali lavori; ed è questo l’obiettivo primario dell’incontro richiesto con urgenza all’assessore regionale Corsini.

 

Maurizio Fabbri, Sindaco di Castiglione: “Siamo ancora una volta a dover lamentare il mancato coinvolgimento da parte di Autostrade su lavori che hanno un impatto fortissimo sul nostro territorio. In particolare i lavoratori delle Aree di Servizio non possono pagare un prezzo così alto a causa di lavori, sicuramente importanti, ma gestiti senza il minimo interesse per ciò che comportano sul territorio circostante.”

 

Maurizio Fabbri

 

Alessandro Santoni, Sindaco di San Benedetto Val di Sambro: “Questa situazione di diffuso disinteresse nei confronti delle amministrazioni locali su questioni che le riguardano in maniera pesante e profonda è una tendenza che deve essere assolutamente invertita: e questo è l’ennesimo caso. Questi lavori produrranno, ed è già successo, pesanti e diffusi disagi alla viabilità locale e, di conseguenza, ai residenti, ai lavoratori ed alle attività delle nostre zone, nonché alla circolazione dei mezzi di trasporto pubblico e di emergenza; chiediamo dunque di essere coinvolti nelle scelte operative, per cercare di limitare al massimo i disagi per residenti e lavoratori.”

 

Alessandro Santoni

 

Bruno Pasquini, Sindaco di Monzuno: “Oltre ai pesanti disagi evidenziati dai miei colleghi, voglio sottolineare come l’attuale e perdurante chiusura della SP325 in zona Gardelletta/Rioveggio aumenti esponenzialmente i rischi di gestione – o meglio congestione – locale, e questo non solo in caso di neve, bensì ogni qualvolta che la viabilità autostradale si troverà costretta a dover uscire e transitare lungo strade che non sono assolutamente adeguate a ricevere in sicurezza tale traffico.”

Bruno Pasquini

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here