APPENNINO: “Una Montagna Pistoiese di bambini” chiede il servizio pediatrico

0
243

 

Lettera aperta all’ASL Toscana Centro e a tutte le istituzioni per chiedere soluzioni immediate all’ormai noto problema della mancanza del servizio pediatrico sulla Montagna Pistoiese.

 

“Oggetto: richiesta di integrazione del servizio pediatrico nella zona della Montagna Pistoiese.

A scrivere è un gruppo di genitori dei bambini della Montagna Pistoiese, che già da diversi
mesi si sono impegnati a richiedere il ripristino del servizio Pediatrico nella nostra zona.
Per una più chiara esposizione della nostra richiesta dobbiamo partire ricapitolando questi
antefatti: a seguito della riunione che si è tenuta presso la Società della Salute Pistoiese in
data 22 ottobre u.s. l’ Assessore del Comune di San Marcello Piteglio Dott. Roberto
Rimediotti ci ha esposto il resoconto degli sviluppi del bando della ASL Toscana Centro per
“Zona carente per l’assistenza pediatrica presso le Aziende USL della Regione Toscana”.
Sappiamo che sono cinque i medici che hanno espresso tra le loro preferenze anche la
nostra zona e ci auguriamo che la presa in servizio di uno di loro possa avvenire nel minor
tempo possibile. Tuttavia lo stesso Assessore ci ha detto che è molto improbabile che il
nuovo pediatra possa prendere servizio prima dell’inizio del nuovo anno (si parla di 90 giorni di tempo per il medico prima di prendere servizio) e al contempo ci ha illustrato che il bando prevederà la presenza di un pediatra sulla Montagna Pistoiese, per solo tre giorni a
settimana.

A questo punto arriviamo velocemente ai punti che ci interessa sottoporre alla vostra
attenzione e che si sviluppano su due piani temporali diversi.

Nell’immediato: come ben sapete, purtroppo, con l’inizio del mese di novembre la Dott.ssa
Perone, che prestava la sua attività per un giorno alla settimana (il mercoledì pomeriggio a
San Marcello), non è più presente e quindi l’unico “servizio pediatrico” è attualmente svolto
dalla Dott.ssa Barontini, che ringraziamo immensamente per la disponibilità e la
professionalità, il venerdì pomeriggio a Cutigliano. Questo servizio è naturalmente
insufficiente, soprattutto adesso che andiamo incontro ai mesi invernali, in cui sono molto
più frequenti i “malanni di stagione” dei bambini, il ricorso al consulto per valutare lo stato di salute e l’eventuale necessità di tamponi molecolari per gli eventuali rientri scolastici dovuti alla normativa covid 19 oltre al peggioramento delle condizioni meteo che complicano ulteriormente i già non facili ed anche poco economici spostamenti a Pistoia.

Chiediamo quindi un intervento immediato da parte Vostra in modo da poter integrare il servizio ad oggi attivo con almeno altri due giorni di ambulatorio nel periodo di transizione prima dell’arrivo del nuovo pediatra.

Nel lungo periodo: come abbiamo più volte ribadito i bambini della Montagna in età da 0 a
14 anni alla data del 31/10/2021 sono 778 suddivisi in 228 di età 0-5 anni compresi e 550
in età 6-14 anni compresi e sono tutti potenziali pazienti del servizio pediatrico. Partendo da questi numeri che per una volta non ci danno completamente “perdenti”, ci interroghiamo sul perché il bando sia stato calcolato solo sui bambini obbligati ad aver il pediatra (0-6 anni) e non su tutti gli aventi diritto, di fatto escludendo tutta una fascia di età che ancora necessita della consulenza specialistica e di conseguenza obbliga le famiglie a rivolgersi ad un pediatra privato che incide molto sul bilancio familiare, considerando anche che per noi “periferici” oltre ai costi vivi della prestazione sosteniamo anche i costi di trasferimento e di mancato lavoro.

Dai dati in nostro possesso abbiamo verificato che la normativa nazionale prevede una
copertura di almeno 10 ore settimanali, spalmate su 5 giorni, nel caso in cui gli assistiti siano da 251 a 500 unità e di 15 ore settimanali, sempre suddivise su 5 giorni, nel caso in cui il numero di assistiti vada da 501 a 840. Nel nostro caso quindi, visto che il totale dei bambini da 0 a 14 anni residenti nei due Comuni è di 778, abbiamo diritto a 15 ore settimanali di assistenza dal lunedì al venerdì e a questo vorremmo puntare, chiedendovi pertanto di iniziare a studiare una strategia per integrare i 3 giorni di ambulatorio del bando per area carente con altri due organizzati come meglio credete, purché permetta e garantisca a tutti i bambini e gli adolescenti della montagna pistoiese un accesso alla salute come è GIUSTO che sia.

Ringraziandovi dell’attenzione e certi che comprenderete le nostre difficoltà e paure,
restiamo in attesa di un vostro celere riscontro e con l’occasione porgiamo Distinti Saluti.

 

IL COMITATO “Una Montagna Pistoiese di bambini

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here