ALTO RENO TERME: Gli ultimi giorni del Festival del Cinema di Porretta Terme

0
351

Pier Paolo Pasolini

Giovedì 9 dicembre FCP incontra CORTO DORICO su Facebook e presenta

L’ULTIMA PARTITA DI PASOLINI.

Gli ultimi titoli del concorso Fuori dal Giro:

HANDS OF GOD di Riccardo Romani ( 9 dicembre) e POLVERE di Antonio Romagnoli (10 dicembre).
Venerdì 10 dicembre in sala la prima italiana di ONCE WERE HUMANS di Goran Vojnović

e l’ultimo titolo del Focus Emilia Romagna: IL MOSTRO DELLA CRIPTA di Daniele Misischia.

Sabato 11 dicembre, ALIDA di Mimmo Verdesca, tributo ad ALIDA VALLI, per i 100 anni dalla nascita,

e il Gran finale con le Premiazione del film vincitore del Premio Petri e

del vincitori del concorso Fuori dal Giro (Premio della giuria e Premio del pubblico – solo online).

Chiude il Festival I Giganti di Bonifacio Angius vincitore del Premio Petri.

 

LA SESTA GIORNATA, GIOVEDĺ 9 DICEMBRE

FCP incontra su Facebook il Festival CORTO DORICO, e poi al Kursaal COSĺ RIDEVANO, settimo appuntamento della retrospettiva dedicata a Gianni Amelio, HANDS OF GOD di Riccardo Romani (Fuori dal Giro),

mentre su MYmovies.it arriva L’ULTIMA PARTITA DI PASOLINI, di Giordano Viozzi.

 

Giovedì 9 dicembre, alle ore 11.00, la sesta giornata comincia con l’evento online FCP incontra Corto Dorico in streaming sulle rispettive pagine Facebook: un dialogo tra Luca Elmi, Direttore Artistico di FCP, e Luca Caprara, Co-Direttore di Corto Dorico per raccontare dei festival e di quello che li unisce.

Alle ore 17.30 arriva al Cinema Kursaal il film COSÌ RIDEVANO (1998, 124 minuti) penultima proiezione della retrospettiva monografica dedicata a Gianni Amelio.

Anticipiamo che la rassegna si concluderà il 18 dicembre con il film Colpire al cuore (1982, 105 minuti) presso il Cinema Teatro La Pergola di Vidiciatico. Tutti i film della retrospettiva sono ad ingresso gratuito.
(al termine del cs le info sul film)

Alle ore 20.45, ritorniamo in sala (e in contemporanea online su MYmovies), per cominciare la serata con il corto di animazione “immaginata” LA CITTÀ DELLE COSE DIMENTICATE (Italia, 2021, 17 minuti), che unisce le immagini di Francesco Filippi alla storia sul valore del tempo e del ricordo di Massimo Frezzato. Una storia in un unico disegno di 43 metri. Ancora in collaborazione con SHORTer.

Vicino alla sua conclusione anche il concorso “Fuori dal Giro” e, mentre si avvicina il momento in cui scopriremo il vincitore di questa edizione, al Cinema Kursaal alle ore 21.00 (e contemporaneamente online su MYmovies.it) potremo scoprire HANDS OF GOD di Riccardo Romani (Italia, 2021, 85′) presentato dallo stesso regista.
(al termine del cs le info sul film)

 

GIOVEDÌ 9 DICEMBRE SOLO SU MYMOVIES.

Per la sezione Corto Dorico, dalle ore 17.00, sarà disponibile il cortometraggio The Night Train, di Jerry Carlson (Svezia, 2021, 15′).

Dalle ore 17.30 sarà visibile L’ultima partita di Pasolini, il documentario di Giordano Viozzi che, attraverso materiale d’archivio, racconta la giornata del 14 settembre 1975, quando Pier Paolo Pasolini giocò la sua ultima partita di calcio prima di morire, a San Benedetto del Tronto dove il suo amico Ninetto Davoli soggiornava dopo aver girato “Il vizio ha le calze nere”. Il documentario ripercorre quella partita tra Vecchie Glorie della Sambenedettese e Nazionale Artisti. Un omaggio all’autore, grande protagonista della letteratura e del cinema italiano, di cui il prossimo anno si celebrerà il centenario dalla nascita.

 

LA SETTIMA GIORNATA, VENERDÌ 10 DICEMBRE

La prima italiana del film ONCE WERE HUMANS (Uno sguardo altrove) di Goran Vojnović, POLVERE di Antonio Romagnoli, ultimo titolo del concorso Fuori dal Giro, il corto ZOMBIE di Giorgio Diritti e a notte fonda IL MOSTRO DELLA CRIPTA di Daniele Misischia, ultimo film del Focus Emilia-Romagna.

I GIGANTI di Bonifacio Angius chiude il festival

 

Torna anche quest’anno la finestra Lo Sguardo Altrove che ogni anno il Festival del Cinema di Porretta apre sul cinema di oltreconfine. Alle ore 18.00, in esclusiva al Cinema Kursaal avremo la prima italiana del film ONCE WERE HUMANS diretto da Goran Vojnović. Una produzione che unisce Slovenia, Italia e Bosnia. Scritto da Tommaso Santi e Goran Vojnovic. Introduce il giornalista e critico cinematografico Nicola Falcinella.

La lunga serata di venerdì 10 dicembre comincia alle ore 20.45, in presenza al Cinema Kursaal e contemporaneamente online su MYmovies.it, con la visione del corto ZOMBIE di Giorgio Diritti (2020, 13 minuti), l’ultimo dei 5 titoli selezionati insieme a SHORTer, il network dei festival del territorio di cui, dallo scorso gennaio, fa parte anche il Festival del Cinema di Porretta.
(al termine del cs maggiori info).

Si prosegue alle ore 21.00 con l’ultimo film del concorso Fuori dal Giro (in contemporanea streaming su MYmovies.it): POLVERE di Antonio Romagnoli (Italia, 2021, 75 minuti). In sala sarà presente il regista.
(al termine del cs le info sul film)

Alle ore 23.00 arriva IL MOSTRO DELLA CRIPTA di Daniele Misischia, l’ultimo appuntamento che ci riserva il Focus Emilia-Romagna, dedicato alle produzioni che coinvolgono la nostra regione.
(al termine del cs le info sul film)

 

VENERDÌ 10 DICEMBRE SOLO SU MYMOVIES.

Dalle ore 17.00 sulla piattaforma MYmovies.it sarà disponibile il cortometraggio di animazione STANBROOK, di Óscar Bernàcer (Spagna, 2020, 19 minuti), tra quelli che rientrano nella sezione che accomuna FCP a Corto Dorico.

 

OTTAVA E ULTIMA GIORNATA, SABATO 11 DICEMBRE

Un libro che esplora il cinema di Elio Petri, il convegno “IL CINEMA RACCONTA IL MONDO DEL LAVORO”,

il tributo ad Alida Valli, madrina del Festival, con il film ALIDA

e le cerimonie di premiazione della XX edizione del FCP.

 

Sabato 11 dicembre comincia alle ore 11.30 con la presentazione del libro “Parola solenne, Dialoghi e visioni nel cinema di Elio Petri” (presso il Teatro Testoni, via Ranuzzi 3, Porretta Terme): Luca Elmi, direttore artistico del FCP, incontrerà Natale Luzzagni, autore del libro.
“Il cinema di Elio Petri raccoglie le suggestioni di una irripetibile stagione storica e civile. Accanto a Giuseppe De Santis, che considerò suo maestro e con cui condivise l’interesse per le tematiche umane e sociali, divenne esperto nell’uso della camera a mano, rendendo monumentali le macroinquadrature dei primi piani e l’espressività soliloquiale dei personaggi. Ma è la scrittura a rivelare la cifra del suo azzardo narrativo: la maniacale cura dei testi preparatori, i confronti con i collaboratori, la natura assembleare dei dibattiti e l’ampia gamma delle fonti letterarie nutrono una filmografia straniante ed eversiva, beffardamente provocatoria, libera e lontanissima da propositi consolatori. Attraverso citazioni, dialoghi, sceneggiature, commenti, aneddoti, giudizi, appunti, testimonianze e centinaia di fotografie, il volume (preceduto da un ricordo di Paola Pegoraro Petri) analizza minuziosamente gli undici film diretti tra il 1961 e il 1979, collocandoli nel momento e contesto in cui furono concepiti e girati: quella di Petri è «una lingua aliena che viene dal futuro e descrive, con una lucidità conturbante, l’avvenire”, scrive Enrico Magrelli nel suo commento introduttivo.
La presentazione sarà ad ingresso libero.

Alle ore 16.00 rimaniamo al Teatro Testoni per l’incontro I 50 ANNI DE “LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO”, IL CINEMA RACCONTA IL MONDO DEL LAVORO. Per celebrare il cinquantenario del film di Elio Petri “La classe operaia va in paradiso”, che proprio nel 1971 venne presentato dal regista insieme a Gian Maria Volontè in anteprima mondiale alla mostra del cinema libero di Porretta Terme, il Festival ha scelto di organizzare un convegno dedicato ai cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro in questa metà di secolo e a come il cinema li abbia raccontati.

Si torna al Cinema Kursaal alle ore 18.00, per il Tributo del Festival ad Alida Valli, madrina di questa XX edizione e volto della locandina ufficiale. Il carisma e il ruolo fondamentale di Alida Valli nel e per il cinema italiano verrà sottolineato anche dalla proiezione del docufilm ALIDA, per la regia di Mimmo Verdesca (Italia, 2020, 105 minuti).

Selezionato ufficialmente in Cannes Classics 2020, prestigiosa sezione del Festival di Cannes, nella motivazione si legge: “Il regista Mimmo Verdesca dipinge con grande delicatezza e grande affetto il ritratto di un’attrice italiana dal destino e dal talento straordinari: Alida Valli.” Inoltre, il film è stato selezionato alla 15a edizione della Festa del Cinema di Roma (ottobre 2020), nella sezione Omaggi e tra le nomination per il Nastro d’Argento come miglior docufilm 2021. Il film è impreziosito dalle testimonianze di Roberto Benigni, Bernardo Bertolucci, Charlotte Rampling, Vanessa Redgrave, Dario Argento, Piero Tosi, Marco Tullio Giordana e di altri illustri protagonisti del cinema italiano e internazionale.
Il film sarà introdotto dal critico Nicola Falcinella e visibile sia in presenza al Cinema Kursaal che sulla piattaforma MYmovies.it. Ingresso libero.

Alle ore 21.00 finalmente la tanto attesa CERIMONIA DI PREMIAZIONE DEL XX FESTIVAL DEL CINEMA DI PORRETTA, al Cinema Kursaal e in diretta Facebook. Il film I Giganti di Bonifacio Angius, vincitore del Premio Petri, verrà proiettato subito dopo, alle 21.30.

Per vedere invece il titolo vincitore del concorso Fuori dal Giro occorre spostarsi sulla piattaforma MYmovies.it: alle ore 21.30 vedremo il film premiato dal pubblico di MYmovies.it e alle ore 23.30 conosceremo il titolo premiato dalla giuria giovani Coop Reno.

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here