VALSAMOGGIA – Monteveglio: “Regalati un Paliotto per Natale”

0
1575

Progetto di RESTAURO DEI PALIOTTI D’ALTARE DELLA MADONNA DEL ROSARIO E DELLA MADONNA DELLE GRAZIE

Chiesa di San Paolo di Oliveto (Monteveglio)

La chiamavano “arte povera”, povera perché al posto del marmo usavano la scagliola. Ma ricca, molto ricca: di lavoro, di creatività, di talento artistico.
Ne abbiamo due preziosi esempi nella chiesa parrocchiale del borgo medievale di Oliveto: due magnifici paliotti della fine del Seicento.
In quel rinnovato scrigno di arte e di fede che è la chiesa di San Paolo di Oliveto, curato e
protetto dalle sorelle della Piccola Famiglia dell’Annunziata, la Congregazione fondata da Don Giuseppe Dossetti.
I due paliotti sono posti nei due altari laterali della chiesa di San Paolo. Il primo paliotto, sottostante la bella pala settecentesca raffigurante la Madonna con Bambino, San Giovanni Evangelista, Santa Elisabetta, Sant’Andrea, San Giacomo, ha come soggetto la Visitazione di Elisabetta a Maria ed è opera di Carlo Antonio Bini di cui sono noti altri esemplari nella chiesa di Giacomo Maggiore in Bologna e in quella di S. Alessandro in Vergiano.
Il secondo paliotto, sovrastato da una nicchia che conserva la seicentesca statua in cartapesta della Madonna del Rosario, mostra nel frontone l’omonima immagine mariana chiusa in un delicato ovale. L’opera è riconducibile alla bottega di Gioan Marco Barzelli (Carpi 1637-1693).

I due preziosi paliotti sono da restaurare, il tempo e l’umidità rischiano di renderli irrecuperabili.
Il restauro è stato preso in carico dall’Associazione Amici dell’Abbazia di Monteveglio che da trent’anni si prende cura e valorizza, in collaborazione con le maggiori istituzioni pubbliche e private bolognesi, il patrimonio storico artistico del territorio di Monteveglio.
Negli ultimi anni l’Associazione ha promosso e curato i progetti di restauro di diverse opere presenti presso gli edifici di culto del territorio: il quattrocentesco Crocefisso ligneo di Oliveto, il San Giuseppe con il Bambino attribuito a Felice Torelli (chiesa di Montebudello), il S. Luigi Gonzaga di Domenico Pedrini (ultimo esempio della quadreria dell’abbazia di Monteveglio, prima dei restauri degli anni Trenta del secolo scorso), il Sant’Antonio Abate attribuito all’ambito di Ercole Graziani e il Cristo portacroce attribuito a Giovanni Battista Bissoni (entrambi recuperati nell’antico oratorio di S. Maria delle Grazie di Oliveto).
Consapevole del prestigioso lavoro svolto, il Presidente dell’Associazione, Giuseppe Santi, sollecita i cittadini attenti e sensibili alla storia, alla cultura, all’arte, a partecipare in modo concreto alla raccolta fondi destinata al restauro dei due eleganti paliotti.
Lo farà sabato 18 dicembre, alle ore 11,00, a Oliveto, presso l’Oratorio della Madonna delle
Grazie, coadiuvato dallo storico Domenico Cerami e dalla restauratrice Emanuela Sarti.

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here