CASALECCHIO – Chiusura del ponte sul Reno: la reazione di Confesercenti

Soddisfatti per gli sgravi fiscali alle imprese, dubbi e preoccupazioni su modalità e durata dei lavori.

0
671

 Elisa Filippini, presidente dei commercianti di Confesercenti
Casalecchio di Reno (BO), sotto il lato del Ponte sul reno che sarà ristrutturato.

“Soddifatti, sì, ma con qualche riserva e con la volontà di continuare a lavorare per aiutare le imprese casalecchiesi a sopravvivere”. Questo è quanto ha dichiarato Elisa Filippini, Presidente di zona di Confesercenti, al termine dell’incontro tra il Comune di Casalecchio di Reno e i rappresentanti delle associazioni di categoria, svoltosi nel pomeriggio del 23 marzo e a pochi giorni dall’apertura del cantiere (previsto per il 28 marzo prossimo) per il rifacimento della corsia Sud del Ponte sul Reno.

“Siamo soddisfatti – aggiunge Filippini che guidava la delegazione Confesercenti –
per il fatto che il Comune di Casalecchio ha accolto la nostra proposta di sgravio fiscale delle imprese nel corso dei lavori di ristrutturazione del Ponte sul Reno. Insoddisfatti per i ritardi con cui siamo stati informati sui modi e i tempi di realizzazione dei lavori sul ponte, sulle contromisure adottate dal Comune e, infine, sulla mancanza di un vero proprio cronoprogramma dei lavori. Se i cantieri rimangono aperti solo per sei mesi le aziende commerciali, del turismo e dei servizi di Casalecchio riceveranno un gran danno, se poi durano fino a Natale avranno un danno irreparabile”.

Ecco cosa hanno portato a casa le associazioni di categoria degli imprenditori al termine
dell’incontro con il Comune. “Investendo 500mila euro del proprio bilancio – racconta Filippini –l’Amministrazione comunale ha assicurato che per tutti i negozianti di Casalecchio ci sarà lo sconto del 50 per cento sulla bolletta della Tari e l’azzeramento della tassa per l’occupazione di suolo pubblico. Nelle area di sosta del centro per le prime due ore si pagherà solo 20 centesimi di parcheggio. Per i commercianti, artigiani e attività produttive che stanno di là dal ponte, nella zona del vecchio municipio è previsto lo sgravio del 100 per cento della Tari (Tassa dei rifiuti), della tassa di occupazione del suolo pubblico e della tassa di pubblicità. Le imprese avevano chiesto il passaggio a senso unico alternato sul ponte. È stato concesso solo a metà. Ossia: si potrà passare a senso unico alternato solo nelle ore notturne, dalle ore 21,00 di sera sino alle 6,00 della mattina dopo. Nelle ore diurne, dalle 6,00 della mattina e sino alle 21,00 di sera il senso unico alternato
funzionerà solo per automezzi pubblici e di emergenza, per moto e bici. Le cose potrebbero
cambiare dopo la sistemazione della fascia di ponte che si affaccia nella parte a monte. Nel corso dei lavori della fascia più centrale, la circolazione potrebbe essere riconsiderata”.

Ultimo risultato ottenuto: “Un tavolo di monitoraggio mensile – rivela Filippini – per informare tutte le aziende sull’andamento dei lavori che, ripeto, on è ancora chiaro su come procederà, mancando del tutto un cronoprogramma. E l’impegno del Comune e delle associazioni di categoria nella ricerca di finanziamenti agevolati per le imprese in maggiore difficoltà.”

 Ufficio Stampa Confesercenti

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here