TRASPORTI : Comunicato del Crufer

0
113

 

Riceviamo da Valerio Giusti, presidente del CRUFER:

 

All’Assessore regionale a mobilità e trasporti, infrastrutture, turismo, commercio
oggetto: la Regione Emilia Romagna non ha più bisogno del Crufer ?

Gentile Assessore,
a nome dei rappresentanti dei Comitati dei pendolari e delle associazioni aderenti al
CRUFER, sono costretto a chiedere cosa intenda fare la Giunta regionale del Comitato
consultivo regionale degli utenti ferroviari che presiedo, visto che in questi due anni il suo
ruolo è stato completamente disatteso.

L’art.13, della direttiva per la costituzione del Comitato consultivo regionale degli utenti
ferroviari dell’Emilia-Romagna, deliberata il 24 gennaio 2005, aveva assegnato al Crufer i
seguenti compiti:
a) svolge funzioni di “osservatorio”, consultive, di verifica e proposta per la qualità del
servizio di trasporto pubblico ed in particolare in merito alla Carta dei Servizi;
b) esprime pareri consultivi su tematiche sottoposte dalla Regione Emilia-Romagna;
c) assume iniziative di proposta alla Regione circa gli aspetti del servizio ferroviario;
d) acquisisce informazioni in ordine all’adeguata risposta, nei tempi e nei modi previsti
dalla normativa vigente, alle segnalazioni e reclami raccolti;
e) effettua studi, analisi e ricerche, anche in accordo con le competenti strutture della
Regione;
f) partecipa ai tavoli tecnici e agli organismi di gestione del Contratto di servizi – in via
continuativa o eccezionale – previo invito della Regione.

Di tutto questo oggi non esiste più nulla tranne quanto previsto alla lettera a.
Negli ultimi due anni siamo stati progressivamente esclusi da qualsiasi consultazione e
siamo venuti a conoscenza di iniziative e progetti solo dopo la loro definizione o attraverso
i comunicati stampa, non ultima l’iniziativa per la gratuità per gli studenti.
Proprio su questo argomento abbiamo sollecitato per mesi la direzione regionale mobilità e
infrastrutture per essere coinvolti alfine di prevenire ed evitare lo stillicidio di errori,
ostacoli e difficoltà che hanno costellato la campagna dello scorso anno, dove fummo
costretti a fare intervenire sindaci, politici e altri amministratori per sanare le esclusioni
come gli studenti che andavano fuori regione o gli utenti ferrobus.
Errori e dimenticanze che si sarebbero potuto ovviare con meno frastuono e minor perdita
di tempo se solo fossimo stati preventivamente consultati.

Nell’incuranza generale delle nostre richieste, anche quest’anno abbiamo appreso la notizia
dagli organi di stampa: probabilmente avranno corretto gli errori più gravi commessi lo
scorso anno, ma resta l’evidente e assoluta volontà di fare a meno del nostro contributo e
ruolo istituzionale. La struttura regionale ha deciso di fare da sola; probabilmente oggi i
rappresentanti degli utenti sono considerati solo un ostacolo ed è stato perso lo spirito che
aveva portato alla delibera di costituzione del Crufer.

Siamo costretti a constatare che fino a due anni fa, l’Assessore coinvolgeva regolarmente
l’organismo prima di prendere tutte le più importanti decisioni che riguardavano il
trasporto ferroviario in modo che la voce dei pendolari fosse presente nella costruzione
delle linee guida che regolavano i rapporti con le aziende ferroviarie.
Ogni qualvolta si registravano picchi di disservizi, la regione convocava le aziende
ferroviarie e i comitati per sederci tutti attorno ad un tavolo e cercare di porre fine ai
disagi e la stessa RFI ci forniva direttamente e preventivamente tutte le informazioni
relative a sospensioni, modifiche della circolazione e cause dei disservizi. Informazioni
che, oltre a permettere di fornire tempestive informazioni agli utenti, permettevano al
Crufer di svolgere in maniera ottimale il proprio ruolo e offrire la propria consulenza.
Questo è l’aspetto più imbarazzante. Col rinnovamento del materiale rotabile, la maggior
parte dei quotidiani e reiterati ritardi sono dovuti a guasti delle infrastrutture e, non
avendo più rapporti diretti con il gestore delle linee nazionali, non abbiamo più alcuna
possibilità di conoscere le vere cause delle inefficienze.

Due anni fa, in pieno lockdown, vista la comprensibile difficoltà di aziende ferroviarie e
regione di fronte agli effetti della pandemia, i rappresentanti dei comitati si sono resi
disponibili a partecipare a ripetute video-call serali (anche due volte alla settimana) per
fornire un costante sostegno e utili suggerimenti, oltre ad aiutare la divulgazione
tempestiva tra i pendolari di tutte le regole di comportamento e modalità operative che
cambiavano di giorno in giorno.
Finita l’emergenza prendiamo atto, con grande rammarico, che non c’è più bisogno di
ascoltare e comprendere le esigenze degli utenti pendolari.

Bologna, 31 luglio 2022
Valerio Giusti
                                                                    Presidente Crufer

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here