BASKET: Virtus obbligata a vincere

0
200

Obiettivo Lavoro Bologna v Umana Venezia

Foto Serra

Ray sarà operato lunedì al menisco

 

Questa volta non può, deve. La Virtus non ha alternative contro Avellino. Un’eventuale, e pur sempre possibile, sconfitta aprirebbe una crisi profonda. Anche nei rapporti tra la tifoseria e la Società.

Per rialzare il morale immagino che Valli sia riandato con tutto al gruppo al match contro Sassari, gara che alla vigilia sembrava al di là delle possibilità bianconere ed invece è stata superata. Il coach in queste giorni dovrebbe aver lavorato, oltre che tatticamente, soprattutto per cancellare dalla testa dei suoi ragazzi due parole-incubo: play off e retrocessione. Sono agli antipodi ma sono quelle che più di altre sono rimbalzate nella testa di molti. Sono quelle che mettono sulle spalle dei giocatori la famosa “scimmia” che fa diventare ogni pallone più pesante, più molli le gambe, più lente o troppo svelte le braccia. Se Fontecchio & C. sentissero meno la pressione, tutto sarebbe più facile.

Non ci sarà Ray ( e sarà assente per due mesi)ma l’arrivo di Fells ha riscaldato molti cuori. Ha fatto un ottimo debutto e lascia sperare che all’occorrenza potrebbe prendere il posto di Ray come leader. Un ruolo che non è di Pittman e di nessun altro…se non dell’ultimo arrivato che ha dimostrato le qualità giuste.

Questa sera ci si aspetta qualcosa di più da tutti. L’avversario è tosto ma non insuperabile (ha due punti in più in classifica e non schiera Green) e va battuto.

Se la Sidigas dovesse passare all’Unipol Arena, la Società dovrà valutare l’ipotesi di ingaggiare un altro giocatore da pescare tra i comunitari o extracomunitari già in Italia, perché due mesi senza capitan Ray sono lunghi e il distacco dalle altre potrebbe farsi troppo…sensibile .

Per ora non pensiamoci e auguriamoci una grande prova del collettivo incoraggiato come sempre dal caldo pubblico.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here