BASKET: Raccolta di firme per la Patrona della Pallacanestro Italiana

La prima firma è dell'Arcivescovo Mons. Matteo Maria Zuppi

0
418

Nella foto da sn: Stefano Tedeschi, presidente del Comitato Regionale FIP, Mons Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, Don Lino Civerra, parroco di Porretta Terme

 

La CEI – Conferenza Episcopale Italiana – ha dato il suo responso in merito alla richiesta avanzata lo scorso novembre dalla Diocesi di Bologna, nella persona dell’Arcivescovo Mons. Matteo Maria Zuppi, per la definitiva ufficializzazione della Madonna del Ponte di Porretta Terme quale Patrona della pallacanestro italiana.

Il predetto organismo ecclesiale, nel rilevare la piena fondatezza dei motivi a sostegno dell’istanza presentata, ha precisato, che per il completamento dell’iter canonico, dovranno essere raccolte sul territorio nazionale le firme di giocatori/giocatrici, rappresentanti di squadre e entità associative del mondo del basket italiano.

La Fip – Federazione Italiana Pallacanestro – si è tempestivamente attivata  per organizzare una raccolta firme su base nazionale e così  adempiere a quanto richiesto dalla CEI per conseguire il patronato religioso tanto agognato.

Occorre ricordare che il percorso per pervenire al riconoscimento del titolo di Patrona del basket ha avuto il suo formale inizio, sotto l’egida pastorale del precedente Arcivescovo di Bologna, il compianto Card. Carlo Caffarra e il patrocinio sportivo della Federazione  tramite il suo Presidente Nazionale dott. Gianni Petrucci, con la manifestazione pubblica tenutasi a Porretta Terme nell’aprile del 2015; a tale evento presero parte tutti i massimi rappresentanti del cestismo del nostro paese.

Mons. Zuppi appone la sua firma

 

Questa mattina, presso la sede della Curia di Bologna, l’Arcivescovo Zuppi ha dato il suo sigillo formale all’iniziativa, sottoscrivendo per  primo il “librone” raccolta firme alla presenza del Presidente Federbasket regionale Stefano Tedeschi e  di Don Lino Civerra, Parroco di Porretta Terme; all’incontro erano pure presenti l’avv. Alessandro Albicini,promotore dell’iniziativa della “Patrona del basket” e suo incessante motore operativo, Guglielmo Bernardi, delegato CONI nell’Alta Valle del Reno, il dott. Pietro Campaldini, in rappresentanza del Comune di Alto Reno Terme, ed un rappresentante della “Metalcastello” di Castel di Casio che segue con particolare interesse gli sviluppi di questa iniziativa.

Tali prescrizioni formali sono previste dalle “Norme” De Patronis constituendis, emanate dalla Santa Sede durante il papato di Paolo VI , in forza delle quali  il conferimento del patronato religioso deve essere suffragato “per consultazioni o votazioni, sia per petizioni o raccolta di firme”.

La raccolta delle firme continuerà la prossima settimana durante il Torneo delle Regioni – la manifestazione nazionale più importante a livello di basket giovanile – a Salsomaggiore Terme presso gli allenatori e accompagnatori adulti delle delegazioni di atleti delle 20 regioni italiane.

La sera di Pasqua si terrà presso il Duomo della cittadina termale parmense una messa officiata da Mons. Ernesto Vecchi, Vescovo ausiliare Emerito della diocesi bolognese, con la presenza dell’effige della Madonna del Ponte di Porretta. Il Parroco Don Lino Civerra ha organizzato un pulmino per chi volesse partecipare alla  cerimonia religiosa.

 

“Reno News”, che ha da sempre creduto sulle potenzialità di sviluppo turistico e sportivo che possono derivare da questa iniziativa, si dichiara a totale disposizione per “dare una mano” alla Fip per la raccolta delle firme.

 

Cenni storici

 

Il 29 Luglio 1956 venne eretto, su iniziativa delle Federazioni provinciali di basket dell’Emilia-Romagna e con la partecipazione del Presidente Nazionale della FIP Decio Scuri e di quello Regionale Achille Baratti, il “Sacrario del Cestista” all’interno del Santuario della Madonna del Ponte di Porretta Terme (Bologna).

 La cerimonia religiosa fu preceduta da una staffetta di oltre sessanta tedofori che portarono la lampada votiva, destinata ad illuminare perennemente il Sacrario, dal Santuario di San Luca di Bologna fino a Porretta.

 All’interno del Santuario è possibile ammirare una raffigurazione scultorea di un giocatore di pallacanestro, che, in stato morente, solleva lo sguardo rapito dalla visione celestiale della Madonna, mentre delle mensole sporgenti sostengono altrettante lampade che illuminano gli stendardi delle  province dell’Emilia-Romagna e un pallone di basket sormonta tale rappresentazione.

 Insieme al Sacrario venne inaugurato, sempre a Porretta, il Centro di addestramento femminile di Pallacanestro, che nel corso degli anni venne adibito dalla Federazione Basket all’organizzazione di stage estivi per giocatrici e per gli allenatori delle squadre nazionali. 

 Nel Luglio 1996, sotto l’egida della Federazione Italiana Pallacanestro, fu celebrato il quarantesimo anniversario del Sacrario del Cestista.

 

 Oltre ad essere stata sede per tornei giovanili organizzati nei mesi estivi con la partecipazione delle più importanti squadre italiane di basket, la cittadina di Porretta Terme, in un ambito territoriale tutt’altro che agevole come quello dell’Appennino bolognese, ha contribuito ad allargare la base dei praticanti della pallacanestro, dando vita a numerose squadre, sia maschili che femminili, con la partecipazione alle competizioni agonistiche su base provinciale e regionale.

 Sua Santità, Papa Francesco, nel corso dell’udienza generale del 24 Giugno 2015, ha benedetto in Piazza San Pietro una fiaccola olimpica e una lampada votiva da collocare all’interno del Santuario della Madonna del Ponte.

 

Con il conforto di tali precedenti sul piano religioso e sportivo, la Diocesi di Bologna, con il patrocinio sportivo della Fip – Federazione Italiana pallacanestro, ha richiesto alla Cei – Conferenza Episcopale Italiana l’attribuzione alla Madonna del Ponte di Porretta Terme del titolo religioso di Patrona del basket nazionale.

 Al fine del completamento del relativo iter canonico si rende necessario raccogliere le firme di atleti, squadre e associazioni del mondo della pallacanestro su tutto il territorio nazionale.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here