CASTIGLIONE DEI PEPOLI: Chiude il reparto di Covid-19 a Villa Nobili

Comune e Distretto ringraziano per l'impegno

0
194

Villa Nobili – foto aiop

 

Grazie alla partnership tra pubblico e privato Villa Nobili di Castiglione ha dimostrato capacità e attenzione alle richieste del territorio, dando una mano al sistema ospedaliero in un momento altamente delicato. Da giugno riaprono medicina generale, chirurgia, centro prelievi e il punto di primo intervento torna a operare 24 ore su 24.

 

Anche l’ultimo paziente ammalato di Covid-19 ospitato dalla casa di cura Villa Nobili di Castiglione, ha potuto lasciare la struttura. Dopo la prevista sanificazione, da lunedì 1 giugno per l’ospedale dell’Appennino si tornerà alla normalità.

Nel pieno della crisi legata alla pandemia ai gestori della clinica, che è privata ma convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale, era stato chiesto di poter ospitare pazienti affetti da Covid ma in via di guarigione, provenienti da case protette, per evitare il drammatico aumento dei contagi e delle morti, avvenuti altrove.

Da parte dei dirigenti del gruppo Garofalo Health Career era venuto subito un benestare, a patto però di sospendere le attività quotidiane, tra cui quella di pronto soccorso, per ragioni logistiche, sanitarie e di personale.

 

È a quel punto con una comunicazione congiunta da parte di Maurizio Fabbri, sindaco del Comune di Castiglione, e Alessandro Santoni, presidente del distretto socio-sanitario dell’Appennino bolognese, si è chiesto di mantenere, anche con limiti inevitabili, i servizi ambulatoriali e il punto di primo intervento almeno dalle 8 alle 20. Il management di Villa Nobili, guidato dall’amministratore Luigi Gallina e dal direttore sanitario Niccolò Francioli, si è reso disponibile a questo sforzo ulteriore e ha accettato. Il reparto covid ha aperto il 22 aprile. In questo mese ha ospitato 28 pazienti fino all’auspicato ritorno alla normalità, legato all’attenuarsi dell’emergenza. Prevista la riapertura dalla prossima settimana della medicina generale, della chirurgia, dei prelievi e del punto di primo intervento 24 ore su 24.

Maurizio Fabbri

 

«L’avvio del reparto covid presso Villa Nobili aveva generato timori comprensibili in paese, sia in termini di sicurezza, sia per la paura di perdere servizi alla popolazione» spiega Maurizio Fabbri. «La gestione della casa di cura ha invece dimostrato professionalità, generosità e grande attenzione alle richieste del territorio. Non posso che ringraziarli e congratularmi con loro».

 

Alessandro Santoni

 

Della stessa opinione è Alessandro Santoni, che aggiunge come l’Appennino abbia saputo dimostrare non solo grande senso di disponibilità e responsabilità, ma anche estrema professionalità. «In estrema urgenza siamo riusciti a dare un servizio di fondamentale importanza per chi aveva bisogno, e questo è merito di tutte le persone che operano con serietà e professionalità alle quali va il mio ringraziamento».

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here