GAGGIO MONTANO: La rassegna “Voci e Organi dell’Appennino” e la mostra di Adelfo Cecchelli

0
326

 

Continua la mostra di acquarelli di Adelfo Cecchelli “Luci dei nostri monti”, inaugurata il 1° di agosto al Centro Convegni Alto Reno (o meglio per molti all’Ex convento delle Suore del Beato Cottolengo in via Carlo Emanuele Meotti 26 a Gaggio Montano).

Ci sono parcheggi a sufficienza:

1) direttamente sulla stradina che porta alla struttura del Centro convegni (anche per disabili) e al bellissimo cortile che offre una veduta meravigliosa della nostra vallata,

2) inoltre nella piazzetta Capacelli-Albergati con l’Arco cinquecentesco, dalla quale si parte anche per salire sul Sasso di Rocca appena restaurato e dal quale si può godere una veduta a 360 gradi del nostro territorio;

3) parcheggio “La Serra” con ingresso di fronte alla stradina che porta al Centro, sulla provinciale in direzione Gabba, Querciola, Masera, Lizzano, Vidiciatico e Fanano

L’autore spiega personalmente il percorso e riceve i visitatori singolarmente.

La mostra di Adelfo Cecchelli è stata visitatissima, offre una decina di acquarelli preparati durante la primavera di quest’anno e in più gli originali dei lavori eseguiti negli anni precedenti, anche olii e tecniche miste, che i proprietari hanno gentilmente messo a disposizione per l’occasione.

 

Il secondo appuntamento riguarda la Rassegna internazionale di Musica Sacra nell’Alta e Media Valle del Reno “Voci e Organi dell’Appennino” che, nonostante tutte le difficoltà, è riuscita anche quest’anno a realizzare alcuni appuntamenti fra i quali anche un concerto nella chiesa parrocchiale dei SS. Michele e Nazario di Gaggio Montano.

Il concerto era previsto, in apertura della 18ma edizione, l’11 luglio 2021, ed è stato rinviato per ovvi motivi a domenica 29 agosto2021 alle ore 21 con gli stessi esecutori che sono il Duo “La Voce e l’Organo”:  Sara Cecchin, soprano, di Feltre, e Manolo Da Rold, di Borgo Valbelluna che suonerà l’organo prestigioso della ditta “Carlo Aletti” di Monza, uno dei pochi strumenti lombardi della nostra vallata. L’organo risale al 1895 ed è stato restaurato a cura di Riccardo Lorenzini di Montemurlo (Prato) negli anni 1998-1999. Il programma prevede musiche del repertorio organistico dal Seicento all’Ottocento. La direzione artistica è di Wladimir Matesic. E’ necessaria la prenotazione fino all’esaurimento dei posti disponibili. Si prega di portare il “Green pass”

 

Gruppo di Studi “Gente di Gaggio” APS

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here