Da Castiglione a Brooklyn la mostra internazionale “Ondate/Waves”

Racconta lo sguardo degli artisti sulle migrazioni

0
385

 

A Castiglione dei Pepoli in mostra centinaia di cartoline realizzate da artisti internazionali per raccontare il fenomeno delle migrazioni. Dopo la tappa italiana la mostra si trasferirà a Brooklyn

 

L’associazione culturale Officina 15 in collaborazione con la Centotto Gallery di Brooklyn ospiterà negli spazi della propria sede, dal 26 gennaio al 9 marzo 2019, l’esposizione “Ondate/Waves”, una mostra che raccoglie più di 200 opere in formato cartolina provenienti da oltre 15 Stati diversi. L’iniziativa gode del patrocinio del Comune di Castiglione dei Pepoli e della Regione Emilia-Romagna.

Il vernissage è previsto sabato 26 gennaio dalle 18 presso Officina 15, in via Aldo Moro 31 a Castiglione dei Pepoli: verrà presentato il catalogo online contenente tutte le cartoline con l’aggiunta di approfondimenti critici, a seguire, aperitivo con selezione di cocktail e musica, dalle 22 selezione di dischi del DJ Flavio Deff. L’esposizione a sarà visitabile dal 26 gennaio al 9 marzo su appuntamento, scrivendo a info@ofcn15.com.

La mostra è il risultato della “open call” internazionale lanciata, pensata e curata dagli artisti Simone Miccichè (nella foto sotto)e Paul D’Agostino con il tema quanto mai attuale della migrazione nelle sue componenti di immigrazione, emigrazione, spostamento, spiazzamento, asilo, esilio e fuga. Un invito aperto ad artisti di tutto il mondo ad interrogarsi sul tema dei movimenti di persone e popoli verso visioni di vita migliori, movimenti che risalgono nella storia dell’umanità nonostante i governi e i limiti nazionali che hanno cercato, o che cercano ora, di ostacolarli.

Se la prima tappa di questo progetto espositivo itinerante è la sede di Officina 15 a Castiglione dei Pepoli, la seconda sarà a Brooklyn, e da lì è pronta per nuove sedi che vorranno ospitarla.

La curatrice Federica Fiumelli spiega nel suo testo critico come la mail art, il movimento artistico che si serve del servizio postale per diffondersi e circolare, crei inevitabilmente uno scambio attivo e paritario tra mittente e destinatario, ed è perciò una forma artistica completamente democratica, anche per i costi di gestione molto bassi. «Occorre ricordare le Avanguardie e le Neo Avanguardie – i primi esperimenti del Futurismo italiano con i collage postali di Ivo Pannaggi, la creazione di francobolli dadaisti grazie a Marcel Duchamp o di quelli blu firmati Yves Klein, gli artisti postali di Fluxus e le loro sperimentazioni (George Maciunas,Ben Vautier) e l’ufficializzazione di questa pratica con la New York Correspondence School di Ray Johnson (artista chiave nel movimento Pop) sul finire degli anni ’50». Una forma d’arte che ha anticipato le nuove tecnologie digitali e che è adatta a questo progetto visto che l’oggetto elevato ad opera d’arte, la cartoline, è esso stesso un corpo migrante che si sposta da un lato all’altro del mondo, senza confini.

Maurizio Fabbri, sindaco di Castiglione dei Pepoli, manifesta il suo orgoglio come sindaco e come castiglionese per un progetto che attesta la crescita artistica di Simone Micciché, artista locale, e che parte da Castiglione:  “Ondate/waves è un progetto davvero affascinante. Segna un salto di qualità per Officina 15 e per Simone Miccichè, perché collega Castiglione direttamente a New York e al mondo intero. Quello della migrazione è il più grande tema della contemporaneità, farne un progetto artistico è molto ambizioso e coraggioso».

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here