GAGGIO MONTANO: Da domani riaperta la viabilità nella zona della frana di Marano

0
947

Le previsioni meteo ci informano che l’anticiclone sta lasciando spazio al cattivo tempo, sta arrivando l’autunno. E di conseguenza sappiamo che inizia il tempo della piogge. Il pensiero va subito al costante rischio delle frane che feriscono i versanti dell’Appennino. Ma intanto c’è una buona notizia: la Protezione Civile dà il via libera alla circolazione nella zona della famosa frana di Marano. La conferma ci è stata data dal geom. Nicola  Montiglioni della Protezione Civile e responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Castiglione.

    • Sono già tutti informati e sono partiti gli avvisi. Domani riapriremo le strade e verranno revocati i divieti  che avevano bloccato le 5/6 unità immobiliari della zona più critica. Non è ancora tutto concluso. Aspettiamo le ultime verifiche per stilare le dinamiche di un progetto che si sta delineando in modo molto chiaro. 
    • Quindi cosa vi rimane da fare ?
    • Riaperta la strada, dovremo dedicarci alle opere di contenimento e consolidamento per la sistemazione definitiva. Sono lavori importanti e purtroppo anche costosi.
    • Nei monitor che rilevano l’attuale situazione nel sottosuolo sono stati visti vari colori, ancora il rosso…c’è ancora da preoccuparsi ? 
    • Tutta la zona è sempre stata sotto controllo dei monitor e quindi non ci sono sorprese. La diversa colorazione dipende dall’entità del movimento rilevato in quel momento. La somma degli elementi analizzati ci guiderà al completamento del progetto definitivo.
    •  Sta per iniziare la brutta stagione: quali  consigli si possono dare ai sindaci dell’Appennino ? 
    • Tutti debbono fare un investimento sull’informazione alla popolazione, debbono spiegare i rischi ma anche come intervenire subito nell’attesa della Protezione Civile che ha potenzialità enormi ma può intervenire solo dopo 24/36 ore dall’allarme. E quelle ore sono fondamentali per evitare vittime e danni irreparabili. La popolazione deve essere consapevole di quello che succede e deve sapere come intervenire subito. Deve esserci anche un minimo di attrezzatura. Faccio un esempio banale: avere  delle transenne per bloccare il passaggio di persone e veicoli.
    • A Castiglione siete già andati a parlare con i giovani
    • Abbiamo fatto lezioni nelle scuole sia teoriche che pratiche su come comportarsi nell’emergenza. Direi che ciò che ha fatto il Comune di Gaggio e la sua gente nell’immediato sia stato esemplare. Noi della Protezione Civile siamo a disposizione sempre, ma sempre abbiamo bisogno della collaborazione dei residenti possibilmente preparati e organizzati.    

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here