MARZABOTTO: Fisica e giocoleria con Federico Benuzzi

0
493

benuzzi

Un appuntamento di Salt’in Circo

di Fabrizio Carollo

Arte e logica si mescolano ed uniscono per dare vita ad una conferenza-spettacolo che sarà il tema principale del terzo appuntamento della rassegna “Salt’in Circo”, il 24 gennaio presso il teatro comunale di Marzabotto.

Lo spettacolo, dal titolo “Fisica sognante” alternerà monologhi teatrali e proiezioni video ad esibizioni tecniche di giocoleria di alto livello, allo scopo di dimostrare quanto la fisica di tutti i giorni sia legata all’arte circense, tra studio, impegno ed insegnamento.

Lo spettacolo, ideato e realizzato già nel 2005 ha riscosso grandi consensi di pubblico e critica proprio per il merito di aver offerto molteplici spunti di riflessione allo spettatore su quanto la razionalità ed il ragionamento non siano mondi poi così distanti da creatività ed arte.

Protagonista dello spettacolo è Federico Benuzzi, professore di fisica e matematica presso il liceo Laura Bassi di Bologna e giocoliere professionista e per passione dal 1996.

È autore del libro omonimo “Fisica sognante: riflessioni su fisica, matematica, giocoleria e didattica” (Ed. AIF) che ha ispirato lo spettacolo.

“È uno spettacolo certamente originale” commenta l’artista “Che coniuga i miei studi con la passione per la giocoleria e le tecniche ad essa associate, legate alle leggi matematiche e fisiche che ho appreso e che insegno a scuola. Ovviamente, c’è anche spazio per la risata e l’intrattenimento ed il tutto sarà condito da aneddoti personali che abbracciano sia la mia carriera di insegnante che quella di giocoliere. È uno spettacolo rivolto a qualsiasi tipo di pubblico e per ogni generazione di curiosi, studiosi ed appassionati ed al termine sarò a disposizione di chi avrà domande da rivolgere su qualsiasi argomento che riguardi il connubio razionalità ed arte.”

Un nuovo interessante appuntamento di una rassegna che è già stata promossa al suo esordio, ideata ed organizzata da Arterego (www.arterego.org), l’associazione senza scopo di lucro dedicata alla promozione e sviluppo delle arti circensi e le attività di artisti di strada.

Giuseppe Vetti, artista giocoliere e collaboratore dell’associazione (nonché protagonista del secondo appuntamento della rassegna Salt’in Circo, con lo spettacolo di successo “Match Comedy Show”) ha incontrato Reno News per ricordare quanto siano importanti appuntamenti di questo tipo così come l’arte circense ed il potere della risata in sé:

“La forza della risata la vedi dalla salute delle persone. Migliora il benessere psicofisico, aumenta la quantità di anticorpi nel sangue, scarica le tensioni ed allunga la vita e fino a qui è tutto dimostrato scientificamente. Ma il potere della risata è molto più grande: è contagiosa, fraterna, paritaria e libertina ed aiuta ad uscire dagli schemi tutti insieme e nella maniera migliore. In tempi di crisi, il suo potere è senz’altro ancora più importante e noi artisti circensi lavoriamo anche per questo:  per vivere e far vivere meglio anche in situazioni spesso critiche.”

 

 

 

 

E tu quando hai iniziato a farti contagiare dal mondo dell’arte circense?

 

“Tutto è iniziato a 19 anni, quando facevo improvvisazione teatrale a Bologna. Quattro anni dopo, partecipo ad un laboratorio espressivo di Jango Edwards e Peter Ercolano tenutosi a Marzabotto e da lì ho scoperto l’incredibile universo espressivo dei clown. Completamente rapito, non mi sono più fermato e sono contento dei risultati ottenuti e delle collaborazioni che aumentano la voglia di sperimentare, di divertire e divertirsi. Questa rassegna non è solamente il risultato dell’impegno e della passione di tanti talenti circensi ma credo sia anche una grande vittoria dello spettacolo e della risata. Certo, non è un mistero che le persone abbiano perso la voglia di andare a teatro negli ultimi anni e questo accade sia nelle grandi città che nelle provincie. L’apatia è il nemico peggiore per le nostre attività ma non ci si perde d’animo e si continua sul proprio percorso, proponendo sempre qualcosa di nuovo, che possa affascinare e divertire ma far riflettere al tempo stesso, come farà senza dubbio lo spettacolo di Federico. Sono certo che avrà lo stesso grande riscontro dei due appuntamenti precedenti.”

 

Inizio spettacolo ore 21.15

Entrata libera ed uscita a cappello.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here