VERGATO – Giusti:” La priorità è sempre quella di far giocare più possibile i bambini”

0
255

basketgiusti

 

La Pol. Zanni partecipa al campionato “under 10”

di M. Becca

 

Abitare in Appennino e sperare di poter avere un numero di bambini e avversari della stessa età è una notevole impresa. Valerio Giusti, dirigente della Pol. Zanni, ci ha provato con l’under 10, ma è dovuto scendere a compromessi

– Abbiamo iscritto la squadra Scoiattoli al campionato under 10 CSI, perché abbiamo abbastanza bimbi per fare una squadra, ma comunque non sufficienti per affrontare un intero campionato. Avremmo voluto farli partecipare al torneo Fip, che è la principale Federazione per la pallacanestro in Italia, che avrebbe garantito partite con età più eque. Con nostro grande rammarico abbiamo dovuto ripiegare sul CSI, che certamente ci permette di schierare più annate, ma rischiamo di trovare spesso avversari di un anno più grandi dei nostri”.
Si è dovuta quindi operare una scelta di male minore?
La priorità era far giocare questi bimbi che si affacciano proprio adesso alla pallacanestro giocata. Quindi giochiamo in una categoria superiore e possiamo utilizzare atleti di un anno più grandi, cioè del 2006, che hanno già esperienza e aiutano i più piccoli a fare i primi passi nel mondo delle partite. Addirittura è possibile schierare dei 2005 come fuori quota, ma due al massimo.
Poi dall’altra parte di nati nel 2006 ce ne possono essere molti in più, ne siamo consapevoli e abbiamo avvisato i genitori, che ci hanno dato il loro appoggio.
Soprattutto vorrei sottolineare che il grosso della nostra squadra rimangono gli atleti del 2007/2008, perché è la loro squadra e devono essere protagonisti”.

 

basketgiusti1

 

Alla luce delle prime due partite, le cose sono andate come all’interno della Pol. Zanni si aspettavano , ovvero sono arrivate due sconfitte dal punteggio mai in discussione. Ma è stata grande la soddisfazione di dirigenti e genitori aver visto bimbi letteralmente entusiasti di giocare, con un impegno al di sopra di ogni sospetto e, soprattutto, un sorriso assolutamente incancellabile.
Per fortuna ci sono loro che ci insegnano la bellezza di fare sport, senza anteporre il risultato al gusto del gioco.
Avendo la fortuna di poter disporre di atleti così,  e se i genitori andranno avanti a sostenere loro e noi, senza caricarli di aspettative e anzi avendo cura di incoraggiarli sempre, tutto i gruppo e tutta la Pol. Zanni potrà fare un cammino di cui tutti potranno andare fieri.

Grazie alle mamme e ai papà, e supergrazie ai bimbi.
 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here