FERROVIA PORRETTANA: Crufer e i treni fantasma

0
231

COMITATO REGIONALE DEGLI UTENTI FERROVIARI DELL’EMILIA ROMAGNA

OCCORRE COMBATTERE I TRENI “FANTASMA” PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Da diversi mesi i Comitati degli Utenti Ferroviari uniti nel Crufer, stanno conducendo una battaglia contro un fenomeno assai diffuso sul territorio regionale: I TRENI FANTASMA. Sono una categoria di treni, per lo più guidati da personale TPER e non solo, che circolano per le linee regionali ma non compaiono sull’efficientissimo sistema informativo di Trenitalia che condiziona i dati presenti sulle applicazioni e sui sistemi di viaggio telematici a disposizione degli utenti viaggiatori. Viaggiatori che non vanno in stazione a prendere il treno che avevano individuato per recarsi sui luoghi di lavoro, studio, interesse ecc, perché l’applicazione o la consultazione online dell’orario indica il treno come: “non ancora partito”. Un virus che deve essere immediatamente bloccato perché si sta propagando a molte linee regionali: ModenaMantova, Piacenza-Bologna, Ferrara-Ravenna, Bologna-Poggio Rusco, Bologna-Porretta. Su alcune linee, paradossalmente, sono più numerosi i convogli fantasma degli altri. L’unico virus che vorremmo fosse diffuso è quello della puntualità e dell’informazione tempestiva che, temiamo, sia ancora lontano da essere propagato. La chiusura capillare delle biglietterie del territorio ha sempre di più obbligato gli utenti ad utilizzare applicazioni ed emettitrici automatiche che ora pagano la mediocrità del software utilizzato che sta creando gravi ripercussioni su tutto il sistema informativo e grava pesantemente sui cittadini che intendono utilizzare il trasporto ferroviario collettivo. Alla luce di quanto sopra invitiamo le istituzioni e la Regione a pretendere che le aziende ferroviarie si dotino di un sistema informativo dignitoso e dismettano e applicare pesanti sanzioni per ciascun disservizio che provoca l’inadeguatezza dei sistemi applicati.

Bologna, 23 novembre 2018

Il presidente CRUFER

    Valerio Giusti

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here