CASALECCHIO: “Tieni il Palco ! “

0
459

campixFranz Campi

 

Un’iniziativa per i giovani artisti

 

Per chi ama cantare, per chi studia uno strumento o per chi ha un proprio progetto musicale, ma non ha la possibilità di avere uno spazio dove proporsi ad un pubblico, Shopville Gran Reno ha pensato ad un’iniziativa mirata proprio a regalare una vetrina a musicisti e cantanti non professionisti. Sempre attento ad offrire alla clientela rassegne musicali ed appuntamenti con artisti di grande popolarità, per il 2016 lo shopping center di Casalecchio ha organizzato “Tieni il Palco!” Un evento fortemente voluto dal Direttore di Shopville Gran Reno, Dott. Marco Agusto, che ha particolarmente a cuore il progetto e le sue finalità: “Ritengo importante, quasi doveroso, dare un’opportunità concreta a tutti coloro per i quali la musica è una vera passione, anche se di essa non possono fare la loro professione; a tutti i giovani che spesso nella musica trovano una grande risorsa e un importante mezzo d’espressione. Shopville Gran Reno questa opportunità la offre, mettendo a disposizione un palco e un pubblico, quindi un’ottima chance per farsi notare e fare esperienza.” E che pubblico! – si può aggiungere – perché la platea di Gran Reno è attenta ed esigente, in quanto abituata da molti anni a seguire le ricche rassegne di musica e spettacoli, con palinsesti sempre estremamente eterogenei, proposte dallo shopping center di Casalecchio.

Dal prossimo mese di Marzo, quindi, ogni sabato, studenti e musicisti dilettanti avranno a disposizione un palco, un impianto audio, luci e tecnici professionisti, per promuovere 15 minuti di una loro esibizione. Tutte le performance saranno riprese e trasmesse in diretta dall’App di Twitter Periscope; per ciascun artista inoltre, sarà realizzato un breve video pubblicato poi su https://www.facebook.com/GranReno.

Tutti coloro che volessero cogliere al volo questa occasione, potranno iscriversi gratuitamente on line, dal 29 Gennaio al 20 Settembre 2016; su http://www.granreno.it/tieniilpalco/, oltre ai propri dati, gli aspiranti partecipanti potranno inserire anche materiale che li riguardano, come link a siti Internet, social, filmati di loro esibizioni “live” o brani musicali pubblicati su Soundcloud. L’Organizzazione selezionerà le domande pervenute, per poi comunicare agli artisti scelti, data e ora della loro esibizione. Ogni 30 giorni una Giuria, composta dagli organizzatori e da professionisti della musica e dello spettacolo, eleggerà l’Artista del Mese, che sarà premiato con un Buono Spesa di € 200,00 da spendere presso “All For Music” di Bologna e “Tomassone” (sedi di Roma e Bologna); Borsa di Studio o Masterclass o Corso di Approfondimento Didattico presso MAN – Music Academies Network, Sede di Bologna; inserimento per un periodo di 20 giorni, di un proprio brano nella compilation diffusa in store presso Gran Reno; promozione dell’Artista del Mese sulle pagine Facebook e Twitter di Gran Reno. Ad una delle band o a uno degli artisti solisti che si saranno esibiti, a giudizio insindacabile di Spazio Eco di Casalecchio di Reno, saranno offerte gratuitamente 10 ore di utilizzo della loro Sala Prove.

 

Infine nel periodo Novembre/Dicembre 2016, in occasione del 23° Anniversario di Shopville Gran Reno nonché dei festeggiamenti del Natale, i migliori 3 “Artisti del Mese” apriranno con un loro show case i concerti di importanti artisti ospiti.

 

 

A corollario di questa iniziativa, grazie alla collaborazione con l’Istituto MAN – Music Academies Network, Shopville Gran Reno organizzerà, ogni sabato, lezioni di musica: i docenti della MAN, con i loro studenti, mostreranno sul palco lezioni di chitarra, pianoforte, musica d’insieme ecc., impartite con le più moderne tecniche d’insegnamento, per incentivare le persone ad avvicinarsi alla musica.

 

“È difficile per gruppi e artisti emergenti, che nel nostro territorio sono fortunatamente molto numerosi” dichiara il Sindaco di Casalecchio di Reno Massimo Bosso “trovare luoghi e occasioni per proporre la propria musica dal vivo; è ancor più raro che questi luoghi e occasioni siano capaci di attrarre anche un pubblico non già appassionato e motivato all’ascolto, come chi fa shopping in un centro commerciale. ‘Tieni il palco’ è per questo un progetto che apprezziamo molto come Amministrazione Comunale, che testimonia una sensibilità verso la cultura di Shopville Gran Reno non comune ma nemmeno nuova, se pensiamo a quanto il ‘Cinema Gran Reno’, con le sue proiezioni in uno spazio dedicato di un centro commerciale, fosse quasi un ‘unicum’ alla sua nascita nel 1999. Per parte nostra abbiamo ritenuto importante mettere in rete il progetto ‘Tieni il palco’ con Spazio ECO, una struttura di nuova concezione che ha tra i suoi obiettivi proprio la promozione della musica emergente”.

 

Nel 2011 su Il Fatto Quotidiano uscì un articolo di Danilo Masotti, che possiamo definire l’“inventore” degli “Umarels”, sulla difficoltà dei musicisti non professionisti a trovare un luogo dove esibirsi e condividere la propria musica con una platea più o meno folta.

 

“Ogni anno migliaia di giovani vengono a vivere a Bologna abbindolati dalle solite chiacchiere anni settanta della Bologna di una volta e del fermento culturale. Tutto vero, ma una volta. […] per chi vuole fare dell’ipotetica arte ed emergere questo è il posto sbagliato. E’ importante essere chiari con i giovani che non si facciano troppe illusioni. Immaginiamo che uno voglia fare della musica e voglia campare con essa: impossibile. Troppa offerta. Qui a Bologna anche il più sfigato dei geometri suona qualcosa e dopo settimane, mesi, anni di prove, prima o poi esige di esibirsi davanti a qualcuno/qualcosa.
A questo punto sorge la domanda: “Dove suono?”

Questa domanda non si sono offerte molte risposte da allora… Non abbastanza…

Qui di seguito una riflessione di Franz Campi.

“Quando prendiamo in mano per la prima volta una chitarra, un pianoforte o qualsiasi altro strumento, piomba addosso la meraviglia. Ci affascina la caratteristica, prettamente umana, di riprodurre una serie di suoni con un artefatto composto da legni, corde o metalli, frutto di un laborioso percorso culturale dalle radici affondate nei tempi. Ci stimola la sfida di poter gestire questi rumori trasformandoli in un’armonia. Così, sottoponendoci a disciplina, impariamo a governare il manico di un violoncello o di un contrabbasso, l’ottone luccicante di un fiato o le pelli di un tamburo, la tensione delle corde o la compressione di un diaframma…

Si può trovare un immenso beneficio nell’essere in grado di “saper suonare”. Anche solo per sé stessi. L’individuo trae forza e maggiore confidenza da questa abilità che agli altri appare misteriosa. Poi arriva un’ulteriore sfida: trasferire le proprie sensazioni, condividere emozioni e lessico musicale. Ma serve un palco ed un pubblico per tentare l’incanto. Per molti raggiungerlo è una chimera. Bisogna magari affrontare un oste più interessato a vendere panini piuttosto che a valutare i nostri progressi nelle sette note. Convincere riluttanti amici ad organizzare una festa improvvisando un concerto. Insomma, dalle sale prove al palco il viaggio è complicato. Ci vorrebbe qualcuno che periodicamente mettesse a disposizione un set come si deve… strumenti, service professionale e promozione dell’evento.

C’è. Questa volta c’è.   Insieme a molto altro di più.   Si può iniziare da qui.”

[Franz Campi – Direttore Artistico “Tieni il Palco!”]

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here