CASALECCHIO: Incontro “Sisma Bonus – Eco Bonus”

1
567

 

Gli assessorati alla Qualità urbana e all’Ambiente del Comune di Casalecchio di Reno, insieme a quello di Monte San Pietro, patrocinano gli incontri promossi da ANACI, Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, in collaborazione con Comunità Solare Locale, dal titolo “Sisma Bonus – Eco Bonus.Obblighi di legge e incentivi. Dall’emergenza alla programmazione” legati alle importanti opportunità di detrazioni e agevolazioni offerte a chi riqualifica gli edifici, in particolare i condomini, dal punto di vista energetico e/o sismico.

Il primo incontro,rivolto prioritariamente ad amministratori di condominio e tecnici, si terrà sabato 21 ottobre, alle ore 9.30, nella sala Piazza delle Culture alla Casa della Conoscenza (via Porrettana 360 Casalecchio di Reno). A novembre, sabato 11 a Calderino di Monte San Pietro (Auditorium dell’Istituto Comprensivo via IV novembre 4) e sabato 18 presso la Casa della Conoscenza,si svolgeranno invece due incontri aperti a tutti, in particolare ai residenti in condominio (ore 9.30).

 

Di seguito il programma dettagliato di sabato 21 ottobre:

 

9.30 Registrazione partecipanti

9.50Saluti delle Autorità

Massimo Bosso, sindaco di Casalecchio di Reno

Stefano Rizzoli, sindaco di Monte San Pietro

10.00 Interventi introduttivi – Obiettivi del convegno

Barbara Negroni, assessore all’Ambiente Comune di Casalecchio di Reno

Nicola Bersanetti, assessore alla Qualità urbana Comune di Casalecchio di Reno

Barbara Fabbri, assessore allo Sviluppo sostenibile Comune di Monte San Pietro

Gian Luca Samoggia, presidente ANACI Emilia-Romagna

10.10 Interventi professionisti ed esperti

Alessandro Uberti, “Il rischio sismico negli edifici”

Gabriele Monari, “Aspetti applicativi critici della normativa sismica in riferimento alla disciplina giuridica dei condomini”

Vladis Vignoli, “Efficientamento energetico degli edifici esistenti”

Alessandro Calzolari, “Eco Bonus e Sisma Bonus: gli aspetti e le novità fiscali nel condominio”

Marco Marchesi, “Il condominio e le delibere conseguenti”

11.10 Casi Pratici

Leonardo Setti, presidente Centro comunità solari, “La comunità solare”

Francesco degli Esposti, presidente Comunità solare Casalecchio di Reno, “Esperienze sul territorio e tra i cittadini”

ANACI, Esempi di interventi nei condomini

Seguono Dibattito e chiusura convegno (ore 12.30)

Modera l’incontro Domenico Paone (ANACI).

Il Convegno prevede l’attribuzione di crediti formativi agli associati ANACI partecipanti.

 

SHARE

Un commento

  1. Stranezze storiche . Sino a pochi anni fa se in fase di ristrutturazione di un edificio non costruivi un massiccio cordolo in cemento armato su cui posare un nuovo coperto, quasi sempre, anche quello di cemento armato, difficilmente potevi sperare nel permesso edilizio . Così ci si trovava con edifici, tipici della montagna edificati con muri a sacco e con solai di legno, ad avere un sotto tetto ed il tetto medesimo costruiti con materiali difformi al resto dell’edificio, con un peso enorme e, conseguentemente, con una inerzia assai maggiore degli altri solai di legno . Non so a chi attribuire questa geniale idiozia statica . La miglior soluzione è sempre quella di alleggerire i piani alti ed i coperti, utilizzando strutture elastiche quali quelle di legno . Eventualmente si possono impiegare altri accorgimenti che qui non è il caso di descrivere . Per dare un esempio di incapacità nella ristrutturazione degli edifici basta ricordare l’oscenità fatta nella chiesa di San Francesco ad Assisi ove si sono affiancate strutture in cemento armato nei solai della chiesa completamente di legno . Detti solai che avevano resistito ad 8 secoli di storia, anche sismica, sono crollati miseramente pochi anni fa ammazzando 13 persone . Le strutture rigide non erano riuscite ad integrarsi nella risposta al terremoto come le parti lignee creando il disastro . Disastro previsto da uno storico dell’arte del calibro di Federico Zeri . E’ mia impressione che quando si opera su strutture edilizie, sia un po’ come in medicina, ogni persona è un caso a sé ed ogni edificio sia analogo . Inoltre è necessaria una attenta analisi tecnica fatta in maniera razionale e non calata dall’alto con leggi, disposizioni ed imposizioni frutto, spesso, di equilibri politici e di poca scienza .

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here