CASALECCHIO: La nonviolenza e le sue prospettive future

Un incontro con Lisa Clark (ICAN) in occasione di due mostre foto-documentarie

0
219

 

L’attualità di una forma di azione politica e sociale che vanta una storia ormai lunga e gloriosa sarà al centro di “La nonviolenza e le sue prospettive future”, incontro pubblico con Lisa Clark, rappresentante della campagna “Italia, ripensaci!”, partner italiana della campagna internazionale ICAN per l’abolizione delle armi nucleari che è stata insignita del Premio Nobel per la Pace 2017. L’appuntamento è per lunedì 28 gennaioalleore 20.30 alla Casa per la Pace “La Filanda” (via Canonici Renani, 8 – Casalecchio di Reno).

L’incontro, organizzato dal Gruppo Nonviolenza di Percorsi di Pace e con ingresso libero, verterà sull’esperienza in Italia di ICAN – International Campaign to Abolish Nuclear Weapons, campagna promossa da circa 500 organizzazioni in 101 Paesi del mondo, che dopo un’attività decennale ha portato nel luglio 2017 all’adozione in sede ONU del Trattato per la proibizione delle armi nucleari. Clark descriverà la storia delle campagne per il disarmo nucleare in Italia, che includono associazioni, comitati, enti locali, parlamentari, e le prospettive di questo movimento per il 2019, a partire dalla campagna “Italia, ripensaci!” per invertire l’orientamento dei governi del nostro Paese, che si sono finora rifiutati di firmare e ratificare il Trattato ONU; la riflessione toccherà però anche, su un piano più generale, il senso delle scelte di nonviolenza nel contesto odierno, anche nelle forme più forti come la disobbedienza civile.

Lisa Clark, nata a Los Angeles nel 1950, vive in Italia dall’infanzia. Sin dagli anni ’80 è attiva nel movimento pacifista italiano e internazionale; dal 1993 al 1995 ha vissuto a Sarajevo per condividere la quotidianità della popolazione assediata. È co-presidente dell’International Peace Bureau (Premio Nobel per la Pace 1910), la più antica associazione mondiale per la diffusione dell’idea del pacifismo, coordinatrice per il disarmo nucleare della Rete Disarmo e vicepresidente dell’associazione “Beati i costruttori di pace”.

 Lisa Clark

L’incontro con Lisa Clark è una delle iniziative collegate alle mostre foto-documentarie “Senza offesa” e “50 anni di Azione nonviolenta, inaugurate il 21 gennaio scorso sempre in Casa per la Pace e che resteranno visitabili liberamente fino a sabato 2 febbraio, dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00 e il sabato dalle 10.00 alle 12.00.

“Senza offesa” illustra alcuni esempi storici concreti di “strategie di opposizione nonviolenta” in Italia: l’evoluzione degli obiettivi della Marcia Perugia-Assisi, la lotta per il riconoscimento dell’obiezione di coscienza al servizio militare, le contestazioni alle celebrazioni militari delle feste del 2 giugno e del 4 novembre, le iniziative della rete “War Resisters’ International” contro gli euromissili a Comiso. In “50 anni di Azione nonviolenta un analogo percorso storico sul pacifismo italiano è mostrato attraverso 50 copertine della rivista bimestrale del Movimento Nonviolento, una per ogni anno, dalla fondazione nel 1964 da parte di Aldo Capitini fino a oggi.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here