CASALECCHIO: “Il clima è cambiato…. e le nostre scelte?” 

0
252

Mercoledì 27 febbraio con inizio alle ore 20:30 presso il Teatro comunale “L. Betti” di Casalecchio di Reno evento gratuito con Luca Mercalli (climatologo, glaciologo e giornalista scientifico).

Il titolo dell’incontro è ” Il clima è cambiato…. e le nostre scelte?” 

Si parlerà dei temi più importanti del nostro tempo come la crisi ambientale, lo sfruttamento delle risorse naturali, il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità.
Mercalli inviterà ciascuno a riflettere sulle responsabilità che abbiamo nei confronti dell’ambiente e del clima in cui viviamo.

Oggi è importante “fare cultura” e trasmettere il messaggio riguardo la necessità di ridurre quanto prima la quota di energia prodotta da combustibili fossili.
Anche gli investimenti finanziari sono parte di questa catena. Se non poniamo attenzione alle nostre scelte, potremmo trovarci a finanziare le stesse cose che ci avvelenano.

La prenotazione dei biglietti è possibile sul sito https://www.eventbrite.it/e/biglietti-il-clima-e-cambiato-e-le-nostre-scelte-55148198747

LUCA MERCALLI 

Pesidente della Società Meteorologica Italiana e redattore capo della rivista “Nimbus”.
Ha conseguito un master in climatologia montana all’Université de Savoie (Francia).

Nel 2012 è stato nominato dall’Unione Europea per l’elaborazione di una proposta di legge sulle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici in ambiente montano e appartiene al comitato scientifico di ISPRA, l’agenzia nazionale per l’ambiente italiana. Ha tenuto 1900 conferenze pubbliche e presso università italiane, francesi e svizzere. Ha pubblicato oltre 2000 articoli popolari, 100 articoli scientifici e ha partecipato a numerose trasmissioni televisive. Destinatario di numerosi premi per il giornalismo scientifico (Città di Sasso Marconi per il giornalismo ambientale, 2012), Luca Mercalli è autore di numerosi libri, tra cui il best seller italiano “Prepariamoci”, 2011. Il suo ultimo lavoro (2018) è “Non c’è più tempo”, il tempo che inizia a mancare per comprendere che quella climatica e ambientale è un’emergenza di cui dobbiamo preoccuparci.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here