CASALECCHIO: Il programma di “Politicamente Scorretto”

0
207
Emilbanca

 

Casa per la Pace La Filanda
Casa per la Pace La Filanda

 

Dopo la serata inaugurale con Alessandro Gallo, prosegue il ricco calendario di appuntamenti della XV edizione di Politicamente Scorretto, il progetto culturale ideato nel 2005 dall’Istituzione (oggi Servizio) Casalecchio delle Culture con Carlo Lucarelli, per combattere le mafie, la corruzione e, in questa edizione, i “muri” con le sole armi della cultura.

 

Martedì 19 novembre

È un luogo nato nel segno della memoria come la Casa della Solidarietà “A. Dubcek” (via del Fanciullo, 6), sorta nell’edificio dell’ex “Salvemini” colpito il 6 dicembre 1990, a ospitare un doppio appuntamento su questo tema.

Alle ore 17.30, in Sala Foschi, l’incontro “Il dovere della memoria”, dopo il saluto di un rappresentante del Centro per le Vittime di reato e di calamità che ha sede in Casa della Solidarietà, vedrà Riccardo Lenzi conversare con Antonio Vassallo, fotografo che per primo documentò la strage di Capaci il 23 maggio 1992, con immagini poi sequestrate e mai più ritrovate, e che vanta un trentennale impegno contro le mafie; Nicoletta Polifroni, giovane avvocatessa di origine calabrese, il cui padre Antonino Polifroni, imprenditore, fu ucciso nel 1996 per il suo rifiuto decennale di pagare il pizzo alla ‘ndrangheta; Alessandro Gallo, che da sempre mette al centro della sua attività di scrittore, regista e attore l’impegno civile contro la camorra e per la legalità. Il tema della conversazione sarà l’importanza delle testimonianze personali per il passaggio della memoria del ‘900 alle generazioni che sono nate successivamente, e per questo verrà presentato in anteprima “Portatori di memoria”, un nuovo progetto di sensibilizzazione sull’argomento rivolto a giovani dai 14 ai 25 anni.

A seguire, sarà inaugurato in Casa della Solidarietà “Il murale della memoria”, una nuova opera realizzata al piano terra dell’edificio da ragazze e ragazzi di Casalecchio di Reno, attraverso un progetto educativo guidato dall’artista Raffaele Posulu in collaborazione con l’équipe educativa del centro giovanile di Spazio Eco.

Entrambi gli eventi, a ingresso libero, saranno trasmessi in diretta Facebook.

 

Mercoledì 20 novembre

Politicamente Scorretto si sposta alla Casa per la Pace “La Filanda” (via Canonici Renani, 8), dove alle ore 17.30 è in programma una visita guidata alla mostra di manifesti “Non muri ma ponti”, curata da CDMPI – Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale e Percorsi di Pace. Un allestimento inedito di manifesti pacifisti d’epoca, tratti dalla più grande collezione al mondo di questo genere custodita a Casalecchio di Reno, per un percorso sul ruolo fisico e metaforico, come interpretato dalle mobilitazioni della società civile, dei “muri”, strumento di divisione legato alle paure (quella delle migrazioni oggi, ma anche, in un singolare parallelo, quella del conflitto atomico ieri, in particolare nel decennio 1979-1989 del riarmo nucleare USA/URSS), e dei “ponti”, segno di comunicazione e scambio tra le popolazioni delle diverse parti del mondo. La partecipazione alla visita guidata è libera; la mostra resterà aperta fino a venerdì 22 novembre, tutti i giorni dalle 15.30 alle 19.00 o la mattina su appuntamento telefonando allo 051.6198744.

Alle ore 18.15, sempre alla Casa per la Pace, Luigi Lollini presenterà il suo libro La Controfigura (Alegre, 2018), intervistato dalla coordinatrice del Teatro Laura Betti Cira Santoro. Eduardo Rózsa Flores è un anticonformista dirigente trentenne dell’organizzazione giovanile del Partito socialista magiaro nel 1988, quando lo studente Alberto, passa con lui una serata decisiva per la sua vita; dopo averlo perso di vista, Alberto apprende nel 2009 che Eduardo è stato ucciso in Bolivia, coinvolto in un complotto di destra per eliminare il presidente, e tenta di ricostruire ciò che Eduardo è diventato in quei vent’anni. Lollini, insegnante e già autore di racconti e saggi (anche con lo pseudonimo di “Luisa Catanese”), ha scritto un romanzo-inchiesta su un tradimento personale che si innesta nelle curve (e nei tradimenti) della storia: la caduta del muro di Berlino ma anche, per una coincidenza curiosa e inquietante di questi giorni, la saldatura tra opposizione politica e militare a Evo Morales. La presentazione è a ingresso libero e sarà trasmessa in diretta Facebook; il bookshop è a cura di Modo Infoshop.

 

Doppio appuntamento con il cinema migrante

Questa edizione di Politicamente Scorretto dedica per la prima volta al cinema migrante due serate in Casa della Conoscenza (via Porrettana, 360) – Piazza delle Culture, grazie alla collaborazione con l’Associazione Amici di Giana – Premio Mutti – AMM, che dal 2008, con una modalità unica in Italia, consente a registi di origine straniera residenti nel nostro Paese, attraverso un premio-finanziamento, di realizzare i propri progetti filmici.

Martedì 19 novembre alle ore 21.00 sarà  proiettato Per un figlio (Italia/Sri Lanka, 2017 – 75′) di Suranga Deshaprya Katugampala, Premio Mutti – AMM 2015 e Menzione speciale 52^ Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro: la vita di Sunita, donna srilankese di mezza età emigrata in Italia, divisa tra l’appartamento in cui lavora come badante presso un’anziana e quello minuscolo in cui convive con il figlio adolescente, la cui ibridazione culturale genera conflitti familiari e lo porta a cercare conforto nella cattiva compagnia di due coetanei locali.

Mercoledì 20 novembre alle ore 21.00, in programma Va’ pensiero (Italia, 2013 – 56′) di Dagmawi Yimer, Premio Mutti – AMM 2011: un documentario in cui si incrocia il racconto di due aggressioni razziste a immigrati dal Senegal, quella subita a Milano il 31 maggio 2009 dall’attore e educatore Mohamed Ba e quella in cui il 13 dicembre 2011, al mercato di San Lorenzo di Firenze, sono stati colpiti Mor e Cheikh, in tre “storie ambulanti” tra speranza e paura di vivere in Italia.

Entrambe le proiezioni saranno precedute da un incontro con il regista, la presidente dell’Ass. Amici di Giana Laura Traversi ed Enrica Serrani, responsabile del Premio Mutti – AMM per la Fondazione Cineteca di Bologna. L’ingresso è libero.

 

Politicamente Scorretto per le scuole

Martedì 19 novembre è la giornata in cui si rinnova “Il Primo Piatto della Legalità”: per il dodicesimo anno consecutivo, Elior e Melamangio prepareranno e serviranno a circa 3.900 bambine/i, nelle mense scolastiche di Casalecchio di Reno e Zola Predosa, una pasta al pomodoro preparata integralmente con ingredienti a marchio “Libera Terra”, coltivati da cooperative agricole nelle terre sottratte alle mafie.

Nelle mattinate di martedì 19 e mercoledì 20 novembre alle ore 10.00 in Casa della Conoscenza, la narrazione Screpolature. Storia incompleta di un muro, dei suoi antenati e dei suoi piccoli pronipoti di Fabrizio Orlandi e Claudio Ponzana, con ricerca video e immagini di Gregorio Fiorentini, racconta con le voci di protagonisti, letterati, musicisti, artisti o semplici cittadini la storia del muro di Berlino e dei muri la cui funzione di “divisione” è sempre stata preminente su quella di “protezione”. La partecipazione è riservata alle scuole secondarie di II grado, su prenotazione.

 

Gli appuntamenti di Politicamente Scorretto proseguono fino a domenica 24 novembre (con un’appendice per le scuole martedì 26 novembre); il programma è online sul sitowww.politicamentescorretto.orge disponibile anche tramite i canali social (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube) del progetto (hashtag #PS2019).

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here