Le nostre interviste: Roberto Parmeggiani

0
229

Da circa 100 giorni Roberto Parmeggiani si è seduto sulla poltrona tenuta per due mandati da Stefano Mazzetti. Eletto con 4.089 voti (49,15 %) dopo una battaglia elettorale piuttosto dura, non ha perso il sorriso e si presenta con lo stesso entusiasmo dei primi giorni.

 

Com’è il mestiere da sindaco?

A questa domanda do una risposta che può forse suonare inattesa:  trovo infatti che il mestiere da sindaco sia bello e appassionante. Sì, proprio così: per chi ha disponibilità all’ascolto e al dialogo, per chi ha voglia di fare e di misurarsi con i tanti aspetti legati alla gestione di un territorio, credo che fare il sindaco sia una bella sfida ma soprattutto una grande opportunità, perché consente di tradurre idee e progetti in fatti concreti a beneficio della comunità che amministriamo.

Ha trovato sorprese in questi primi due mesi di mandato?

No, nessuna sorpresa particolare rispetto all’idea che mi ero fatto e al compito che ci aspetta. Ci sono diversi progetti partiti, altri da avviare e tante cose da fare, proprio come pensavo.  

Quali sono allora le priorità?

Una è sicuramente la volontà di promuovere un modello di partecipazione civica che favorisca il coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali dell’Amministrazione comunale. Come? Ridefinendo gli organi di partecipazione come le Consulte (di frazione e tematiche) e avviando percorsi partecipativi capaci di consentire la più ampia condivisione possibile delle scelte fatte. Non dimentichiamo la tutela dell’ambiente, altro punto qualificante del nostro programma di mandato che, tra le altre cose, prevede anche il rilancio del settecentesco borgo di Colle Ameno, recentemente restaurato e restituito al suo antico splendore artistico e architettonico.

Come sono i rapporti con l’opposizione?

Il confronto in fase di campagna elettorale è stata duro e serrato, ma i rapporti sono cordiali. Siamo solo all’inizio, ma mi sembra ci sia la disponibilità a confrontarsi in modo proficuo e in un clima di reciproco rispetto sui temi di interesse per la collettività.

Quali sono i progetti in cantiere per settembre?

I progetti riguardano soprattutto la manutenzione del territorio. Partiranno a giorni, per essere completati prima dell’inizio delle attività scolastiche, i lavori di manutenzione straordinaria della scuola primaria Capoluogo, che prevedono l’adeguamento statico e il miglioramento sismico della struttura. Per quanto riguarda la rete stradale è in corso la procedura di gara per l’affidamento dei lavori di asfaltatura di diversi tratti della Porrettana tra la frazione di Borgonuovo e il capoluogo: si tratta di un intervento consistente, finanziato con i contributi per le opere compensative della Variante di Valico e che consentirà di migliorare la fruibilità della ‘vecchia’ Porrettana, la principale arteria stradale cittadina. Prossimo è anche il bando di gara che riguarda l’illuminazione pubblica e che consentirà di intervenire nelle zone che più necessitano di una manutenzione degli impianti.

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here