CASTENASO – Festa dell’Umanità: dieci anni di solidarietà per le famiglie indigenti

La manifestazione del 1 ottobre, per l'occasione, si sposta dal tendone di Marano alla parrocchia in capoluogo 

0
181

Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.renonews.it/home/wp-content/plugins/ad-injection/ad-injection.php on line 824

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.renonews.it/home/wp-content/plugins/ad-injection/ad-injection.php on line 831

Il circolo La Stalla, insieme a Proloco Castenaso APS, Avis, gruppo Amici di Fiesso, Associazione Mano Amica, Pubblica Assistenza di Castenaso, con la collaborazione della Parrocchia di Castenaso e il patrocinio del Comune di Castenaso invitano a festeggiare il 10° anniversario della Festa dell’Umanità, manifestazione con finalità benefiche a sostegno delle famiglie in difficoltà del nostro territorio.
Non sarà, stavolta, il tendone di Marano ad ospitarla ma la parrocchia in capoluogo: il primo ottobre 2021, dopo la sospensione causa COVID dello scorso anno, sarà un’occasione speciale che alla inossidabile convivialità della cena aggiungerà un concerto. Tutti i proventi, come sempre, saranno distribuiti alle famiglie in difficoltà del territorio per il tramite dei Servizi sociali del Comune. Nel corso degli anni sono stati raccolti circa 70mila euro convertiti in buoni spesa, bollette pagate, iscrizioni gratuite ai corsi sportivi dei ragazzi.
Alle ore 18.30 dunque, presso la Chiesa Madonna del Buon Consiglio (via XXI ottobre 1944, Castenaso), concerto voce-pianoforte “Ritratti femminili tra sacro e profano, dalla donna angelicata alla donna vipera, sfaccettature dell’animo femminile” con Valeria D’Astoli; soprano, Maurizio Matteuzzi; pianoforte e l’introduzione di Piero Mioli, storico della musica.
Il concerto, dal titolo “Ritratti femminili tra sacro e profano” propone una successione di brani che vanno dal primo ‘600  alla fine dell’ 800, declinando le tante sfaccettature dell’animo femminile, dalla donna angelicata alla donna vipera. Il programma comprende brani di musica lirica in prevalenza, ma anche escursioni nella musica da camera e da chiesa. Gli autori sono in maggioranza italiani, ma sono presenti anche gli “stranieri” Mozart, Hendel e Dvořák.
Ingresso libero a offerta libera fino ad esaurimento capienza. Accesso consentito con Green Pass.
Alle 20, nelle sale parrocchiali accanto alla chiesa, la consueta e attesa cena con lasagne, grigliata, contorno, dolci e vino.  Il menu comprende le mitiche lasagne dell’Airone, la grigliata con contorni, il dolce a cura del panificio Gazzetti e Tardini, il tutto accompagnato da buon vino. Il contributo richiesto per la partecipazione alla cena è di euro 25 per gli adulti, ridotto a 10 euro per i bambini fino a 10 anni. Su prenotazione entro martedì 28 settembre tramite whatsapp/telefono al numero 334/9917819. Accesso consentito con Green Pass.
La festa nasce nel 2011, quando alcuni componenti del Comitato Soci di Castenaso e di Villanova della locale BCC, proposero di creare una nuova Festa. L’idea era quella di una serata in cui la città di Castenaso si ritrovasse comunità che si prende cura della sua parte più fragile, dando vita a un momento di condivisione conviviale, una cena per raccogliere fondi per le famiglie in difficoltà: in cui il rapporto umano fra le persone diventasse protagonista. Una festa per difendere la sensibilità umana, sentire la solidarietà verso gli altri, vivere il senso di comunità. Il successo fu immediato e duraturo, grazie non solo all’Istituto bancario, ora BCC Felsinea, ma anche alle locali associazioni di volontariato, agli operatori economici, alle istituzioni civili e religiose. Unite le forze, è iniziata una collaborazione che ha consentito di organizzare ogni anno la Festa dell’Umanità, sostenerne i costi, mettere a disposizione numerosi volontari.
SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here