Sasso Marconi: la banda Ultra Larga corre veloce sulle colline di Marconi.

Internet ad elevate prestazioni per dieci aziende di Pontecchio

0
449


Dopo l’intervento di infrastrutturazione in Banda Ultra Larga effettuato nel 2019 nell’area industriale di Cà de Testi, anche le imprese del comparto industriale di via I Maggio e via Vizzano, a Pontecchio Marconi, potranno presto accedere ad Internet con Banda fino a 1 Gbps, simmetrica e garantita.

Un’operazione realizzata nell’ambito della Legge 14/2014 sulla “Promozione degli investimenti in Emilia-Romagna”, che tra le sue finalità ha lo sviluppo di infrastrutture di connettività in Banda Ultra Larga – purché non già offerte dagli operatori TLC – per le aziende che operano in zone di digital divide: una condizione oggi essenziale per competere sul mercato.

Per favorire la realizzazione di tali infrastrutture nelle zone industriali scarsamente raggiunte da servizi di connettività, la Regione ha pertanto definito un modello di partnership pubblico/privato che coinvolge gli Enti Locali territoriali, le aziende interessate ad usufruire di questi servizi e Lepida ScpA, società in-house della Regione, incaricata della messa in opera dei processi di infrastrutturazione in Banda Ultra Larga.

Il modello prevede che il Comune metta a disposizione, senza oneri, tubazioni di proprietà pubblica per la posa di cavi in fibra ottica di interconnessione alla rete Lepida e verso le sedi delle aziende, mentre le imprese compartecipano finanziando la realizzazione degli accessi, ovvero dei tratti in fibra ottica necessari per portare la connettività all’interno delle aziende.

L’operazione coinvolge una decina di importanti realtà imprenditoriali del comparto di via I Maggio e via Vizzano: Prefab srl, G.R. srl, Made in Box, Mesoraca Gennaro, GF Automazioni, Tabellini Giorgio, Rimec Group, Kiwitron srl, HTH, Rubini Maria Luisa, HLF srl.

 Il costo complessivo dell’operazione è di circa 110.000 Euro, di cui 61.000 € finanziati con fondi pubblici e 50.000 € a carico delle imprese.

 L’intervento è funzionale anche all’attivazione di ulteriori servizi nelle zone limitrofe, come ad esempio l’ampliamento delle rete comunale di videosorveglianza. Con l’occasione, poi, verranno posate le infrastrutture necessarie al futuro collegamento in Banda Ultra Larga delle aziende della vicina via Sagittario.

“Una Regione iperconnessa è uno degli obiettivi principali dell’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna ‘Data Valley Bene Comune’, e l’Appennino e le aree interne sono state da subito la nostra priorità”, commenta l’assessore all’Agenda digitale Paola Salomoni. “Siamo consapevoli di come la digitalizzazione sia la chiave per combattere lo spopolamento di queste zone, perché avvicina i servizi e amplia le l’opportunità. Ci siamo concentrati sulle scuole e sulle imprese, i pilastri anche del nostro Patto per il Lavoro e per il Clima: l’operazione che abbiamo avviato a Sasso Marconi con queste dieci aziende del territorio è un esempio importante ed efficace di partnership tra pubblico e privato che rappresenta pienamente lo spirito di questa terra”

La Banda Ultra Larga è diventata il fattore produttivo abilitante del nuovo sviluppo industriale, Lepida è presente al fianco dei Comuni per portare la connettività alle aree produttive che mostrano palesi segni di divario digitale nell’ottica di costruire un territorio a zero differenze. Sono quasi un centinaio le aree produttive tipicamente in contesti orografici difficili su cui abbiamo agito con oltre 500 aziende collegate”, ha dichiarato Gianluca Mazzini, Direttore Generale di Lepida ScpA.

“La disponibilità di collegamenti in Banda Ultra Larga è oggi un fattore critico di successo sia per il business sia per lo sviluppo democratico di un territorio”, afferma il sindaco di Sasso Marconi, Roberto Parmeggiani. “Grazie alla partnership con Lepida abbiamo offerto questa opportunità di alto livello tecnologico alle aziende di Pontecchio, proseguendo così il piano di riqualificazione tecnologica avviato tre anni fa con la fornitura di connettività in BUL alle imprese della zona di Cà de Testi”.

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here