CICLISMO AMATORIALE: Le premiazioni del circuito “Zero Wind Show”

0
410

Si sono svolti Sabato 7 Dicembre, nella splendida cornice dell’hotel Corallo di Riccione, le premiazioni del circuito amatoriale di ciclismo Zero Wind Show e la presentazione dell’edizione 2020 che vedrà crescere le prove a dieci Granfondo con la bolognese Dieci Colli a far da spartiacque tra primavera ed estate, tra dislivelli collinari e dislivelli alpini.

Presente Irene Lucchi dell’organizzazione della Dieci Colli che vede confermata, per l’edizione 2020, l’apprezzata location di Villa Pallavicini con qualche piccola, ma fondamentale, modifica nel percorso.

Dopo essere saliti a Montemaggiore passando dai Gessi e PonteRivabella, il Bivio tra corto e lungo viene spostato da Zappolino a Castelletto, all’incrocio con Tiola. Il corto salirà nell’antico borgo dei somari, per poi passare da Savigno, Cà Bortolani, e tornare verso Calderino dal fondovalle Lavino, mentre il lungo salirà a MonteOmbraro passando da Ciano e arrivando fino a Castel d’Aiano attraversando Zocca e Bocca dei Ravari, in una lunga, ma veloce salita. Discesa verso Vergato passando da Labante, risalita verso Cereglio, e successivamente a Tolè, scendendo poi verso Calderino da Monte Pastore. Finale identico per entrambi i percorsi con le salite di Mongardino e Monte Capra e la discesa dall’eremo di Tizzano verso Ceretolo.

Una Dieci Colli veloce ma con anche un dislivello da tenere in considerazione, con più di 2000 metri di dislivello in meno di 140 km.

Non solo la Granfondo Bolognese protagonista della serata romagnola targata Zero Wind, diversi bolognesi sono stati premiati nel corso della serata per i piazzamenti realizzati durante le otto Granfondo del circuito.

Numerosi piazzamenti e anche vittorie importanti in alcune categorie, sia nei percorsi corti, che nei percorsi lunghi.

Nel lungo ad arrivare alla vittoria sono stati Stefano Stagni del Team Faenza, Sabato Venutolo del Bike Studio Team e Bosi Massimo del Bike Innovation Team, mentre nel medio spicca la vittoria di Meri Piazza e di Paolo Mazzoli del Team Faenza, di Fabio Villari del Bike Studio Team, Mauro Margotti del Bike Innovation Team, di Guido Franchino del Parco dei Ciliegi e infine di Alessio Pareschi del Team Faenza.

Dominio quasi assoluto nella classifica a squadre, con la schiacciante vittoria del Team Faenza di Castenaso sul Parco dei Ciliegi di Zola Predosa accompagnato alle premiazioni dal proprio atleta di punta, Loredano Comastri, che quest’anno ha portato a termine per la seconda volta, la Parigi – Brest -Parigi, quella che lui stesso definisce l’impresa in assoluto più importante della sua carriera ciclistica.

Terza classificata la Ferrara Bike che proprio nell’ultima prova ha strappato il podio tutto bolognese al Bike Studio Team di Loris Nicoletti che comunque si consola con numerosi piazzamenti e due importanti vittorie. Per un team giovane come quello verde fluo di via San Donato una grande soddisfazione essere arrivati ad un passo dal podio insieme a colossi come il Team Faenza e il Parco dei Ciliegi.

Quinto il Bike Innovation Team di Imola che fallisce l’aggancio al quarto posto ma si consola anch’esso con vittorie di prestigio.

Bologna protagonista sui pedali in questo 2019 che volge al termine e già pronta a salire in sella nel 2020 per un anno che si prospetta tutto da pedalare!

 

Testo e foto di Enrico Pasini

 

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here