Camugnano, disparità e differenze di genere se ne parla a scuola

Sono tre le giornate previste per gli alunni delle primarie e secondarie degli Istituti presenti nel comune dell’Appennino

0
1546

Camugnano – Il Municipio

Si intitola “Disparità e differenze di genere: la diversità vista con gli occhi degli studenti” il progetto che coinvolge gli alunni delle scuole primarie e secondarie di Camugnano. Un ciclo di tre appuntamenti, il primo in calendario è previsto per martedì 1° marzo, durante i quali ai scolari sarà presentato il progetto e la proposta di argomento che varierà a seconda della classe. Al termine dell’approfondimento ci sarà il tempo per un dialogo insieme che si chiuderà con l’elaborazione dei nuovi spunti.

Saranno trattati gli argomenti di disparità di genere sui sociali, nello sport e negli hobby della vita quotidiana e quindi anche la disparità di genere negli aspetti estetici delle persone e la disparità di genere nelle professioni.

Ai ragazzi delle medie saranno mostrati alcuni stralci del film “Billy Elliot” e la visione tramite foto di alcuni personaggi noti e del lavoro che svolgono. Saranno mostrati anche alcuni post sui social di minori che sono stati vittime di offese e discriminazione per la loro sessualità o per il loro carattere

Alle elementari invece spazio alla lettura dei libri “Lunghicapelli” di Benjamin Lacombe e “Il trattore della nonna” di Anselmo Roveda.

Il progetto scuola è realizzato dall’Ufficio di piano dell’Istituzione servizi sociali educativi e culturali dell’Unione dei comuni dell’Appennino bolognese, l’Amministrazione comunale di Camugnano, gli Istituti scolastici e l’Arma dei Carabinieri.

Siamo orgogliosi di aver partecipato alla realizzazione del Progetto. Come amministrazione riteniamo che l’argomento sulla disparità di genere in tutti i suoi aspetti debba essere oggetto di dialogo anche con i nostri giovani concittadini per formare ed informare quella che sarà la generazione futuraha dichiarato il sindaco di Camugnano, Marco Masinara.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here