Marzabotto, in mostra le opere di Visani

La personale dell’artista è allestita nella Casa della Memoria e della Cultura

0
472

 

 Sarà inaugurata, sabato 8 ottobre alle ore 15.00, la mostra personale di Enrico Visani nella Sala polivalente Casa della cultura e della memoria di Marzabotto. Saranno esposte alcune delle opere che ripercorrono la maestria dell’artista e fanno fare, al visitatore, un viaggio singolare e appassionante.

Enrico Visani è nato a Marradi, comune che si trova nell’Appennino tosco romagnolo, nel 1938; alla fine degli anni ’50 si avvicina alla pittura da autodidatta. Nel 1965 si riconosce nelle poetiche dell’ultimo naturalismo e nascono in questi anni gli studi e le immagini degli Appennini che il pittore approfondirà nel periodo successivo in seguito all’incontro con Bruno Saetti. Intorno al 1974-1975 inizia ad allontanarsi dal modulo naturalistico, virando verso una sempre maggiore semplificazione delle forme (Appennini, 1974; Incontro 1975). Dal 1976, in corrispondenza di alcune importanti mostre le immagini di Visani sembrano trovare una diversa identità quasi di matrice fantastica, con rimandi, come propone Luigi Carluccio, alla pittura di De Kooning, Alechinski ed Ensor.

Va segnalata la sua attività di grafico e illustratore: si ricordano le quattro litografie dedicate ai “Canti Orfici” di Dino Campana nel 1973, le tre litografie edite dalle Arti Grafiche Tamari di Bologna nel 1978, la Lettera di John Cage a Bologna nel 1978, la cartella con tre litografie “Gli animali e il loro ambiente” nel 1979, la cartella che presenta nel 1980 al Club Grafica della Galleria Forni con quattro acqueforti e acquetinte presentata da Giorgio Celli come Omaggio a Maeterlinck, la cartella di cinque acqueforti e acquetinte dal titolo “Giardini inquieti” del 1999.

 

A Marzabotto la mostra sarà aperta fino al 23 ottobre e gli orari della galleria saranno da martedì a domenica: 9.30-12:30, 15:00-17:30. Lunedì chiuso

 

 

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here