Speranza…per il futuro

La dichiarazione del sindaco di Vergato sul dialogo avuto con l'Assessore Donini

1
235

 

Sono realista (qualcuno dice pessimista) e quindi non mi aspettavo niente di concreto per l’immediato dalla visita del Ministro Speranza. “Non era l’occasione giusta “ mi ha detto qualcuno che era presente. Indubbiamente la “festa” (più che meritata) per gli operatori dell’hub di Silla non andava rovinata, però…però…qualcosa poteva essere detto. Pensavo si potesse e dovesse sfruttare il momento di avere Ministro, Presidente e Assessore regionale a portata di voce per avere risposte su temi molto importanti per i cittadini. Ed invece sindaci e assessori che hanno partecipato al pubblico incontro sono stati tutti zitti. Forse, e sottolineo forse, qualche bisbiglio sottovoce. E’ chiaro che mi sono sbagliato e chiedo scusa, io pensavo che in Medio e  Alto Reno ci fossero problemi….

Speranza e Bonaccini sono arrivati in elicottero fino a Sassuriano (eliporto dei VVFF), poi in auto scortata sono arrivati a Silla. Hanno così “sorvolato” sulle aspettative di Vergato, dove il Pronto Soccorso rimane attivo per 12 ore ( ricordo che questo significa che se uno sta poco bene alle 20.05 e chiama l’ambulanza, questa interviene e porta l’ammalato all’ospedale di Alto Reno Terme o al Maggiore di Bologna ), e di Porretta (solito punto nascita in attesa di sviluppi), forse, potrebbe sperare un ottimista,  ne hanno approfittato per dare un’occhiata ai due ponti di Sasso (“Leonardo da Vinci” chiuso e “Albano” che aspetta verifiche per l’improvviso doppio lavoro a cui è sottoposto), a Pavana (diga e frana), alla S.S. 64 con i rattoppi e i sensi alternati, alla ferrovia che ha sempre treni che spariscono e riappaiono. Ma ne dubito…

Dai discorsi ufficiali sono uscite dichiarazioni con tanti progetti importanti, ci fanno piacere ovviamente,  ci dobbiamo accontentare di questi che andremo poi a verificare…alla vigilia delle prossime elezioni regionali.

In una foto che mi è stata inviata si vede l’Assessore Donini parlare col sindaco di Vergato, Giuseppe Argentieri, il quale, molto cortesemente, a questo proposito mi ha avere la seguente  la dichiarazione:

“Con l’Assessore Donini non siamo entrati nello specifico per motivi di tempo e non abbiamo avuto modo di parlare dell’Ospedale di Vergato; l’ho però invitato a presenziare il 15 luglio prossimo al Tavolo di Riordino sulla Sanità del Distretto che si terrà alle ore 10:00 in Sala Consiliare. E’ fondamentale che ci sia un riconoscimento a tutti gli sforzi fatti fino ad oggi dalla popolazione, non solo vergatese, ma anche dell’intero Distretto, così come è fondamentale che il Pronto Soccorso venga riattivato H24, come promesso, in tempi certi e rapidi. E’ molto importante che le massime istituzioni vengano sul territorio e tocchino con mano la situazione che si vive quotidianamente. Devono considerare il massimo sforzo fatto dal personale dell’Ospedale di ogni livello e ordine, e di riconoscere il grande impegno messo in campo dalla popolazione e da tutti. Non devono assolutamente dimenticare tutti questi fattori, anzi sarà nostra premura sollecitarli”.

SHARE

Un commento

  1. E’ da parecchio tempo che gli interessi di quella che possiamo chiamare, impropriamente, politica non collimano con quelli della popolazione, specialmente delle nostre zone montane. Come ben si sa, la popolazione giovanile emigra, le aziende chiudono, si trasferiscono o si ridimensionano. Alla base di questa debacle vi sono varie ragioni. Una è il livello di istruzione non adeguato ai tempi ed alle peculiarità del territorio. L’istruzione è un pessimo argomento, quasi analogo alla Sanità, alla Viabilità, alla Valorizzazione del Patrimonio storico ed altro. Adesso che in Regione sono tutti infervorati con la nuova seggiovia del Lago Scaffaiolo, giudicata OPERA FONDAMENTALE, tale da far impallidire il ponte sullo Stretto di Messina! Bene, coloro che opereranno in detto impianto potranno acquisire una favolosa professionalità nel gestire le persone che salgono o scendono dall’impianto. E’ da più di 30 anni che detta specializzazione è in essere, il ché non ha impedito la fuga delle nuove generazioni. Forse è un titolo di studio non particolarmente valorizzato altrove. Si parla del rilancio del settore alberghiero e ricettivo in senso largo. Qualcuno ha però detto che sono almeno 20 anni che nessuno di tale settore sia uscito da una scuola alberghiera. Mi sa che la cosa faccia il paio con la specializzazione seggioviaria. Ad essere maligni, visto che il mondo politico è molto sensibile agli affari economico-finanziari, stante le future entrate astronomiche legate a questa nuova seggiovia, perché appartenenti a detto mondo non hanno acquistato gran parte degli alberghi e ristoranti della zona con la certezza di fare soldi a palate? Peconia non olet ! Neppure di lasagne e tortellini! Fermiamo le bocce ! Vediamo cosa salta fuori nei prossimi 9 (nove) mesi, tempo per dare alla luce un bambino, nell’ambito della : Viabilità, Ospedaliero, Istruzione, Agevolazioni strutturali per aziende, Banda larga o comunicazioni da 3° millennio ed altre cosucce di non scarsa importanza. Se in 9 (nove) mesi si è di fronte al miracolo di una nuova vita, vediamo cosa realizzeranno i nostri Demiurghi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here