Letture interessanti (ed obbligatorie) – parte seconda

0
650

Come amante dei numeri e delle statistiche mi sono andato a rileggere i dati forniti dall’ISTAT e da centri di ricerca inerenti al Comune di Lizzano in Belvedere.

Il primo è il reddito che assomma ad € 18.587,8 nell’elenco figura al penultimo posto della provincia di Bologna. All’ultimo ci sarebbe Castel del Rio, ma una postilla dice che il valore di questo comune è sotto stimato e quindi inaffidabile. Bisogna però dire che Castel del Rio non dispone di una impiantistica e strutture turistiche quale Lizzano ! Andiamo avanti . Nel 1951 vi erano 4.646 abitanti con un rapporto giovani/anziani a tutto vantaggio dei primi. Oggi con circa 2.142 abitanti si ha un rapporto giovani/anziani di 100/350 circa. L’età media è di 51 anni. Vi è però un dato che va ben esaminato, è l’indice di ricambio della popolazione attiva. La popolazione attiva è tanto più giovane quanto più l’indicatore è minore di 100. A Lizzano l’indice è 224,6 significa che la popolazione in età lavorativa è molto anziana. Alla fine, tirando le somme, si scopre che dal 1951 ad oggi la popolazione si è ridotta del 54% , che il reddito è precipitato alla ultima posizione in maniera inversamente proporzionale agli investimenti pubblici fatti in un determinato ed unico settore : gli impianti sciistici. Ovvero, più si sono spesi soldi pubblici e più la popolazione si è invecchiata ed impoverita. Non solo invecchiata ed impoverita, ma ha perso importanti strutture sociali quali aziende ed attività produttive quali, ad esempio, i fornai che sono letteralmente scomparsi. Fortunatamente adesso gli enti pubblici hanno deciso di spendere una valanga di milioni in nuovi impianti a fune per uso sciatorio che risolveranno tutti i problemi, speriamo. Comunque, con retaggio dantesco, nel girone dei Nemici della Montagna, oltre all’ISTAT, all’Università, adesso vi sono anche due Istituti di Ricerca sul territorio.
SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here