Alluvioni e rimedi

0
446

Dopo i recenti disastri, da parte di persone esperte, geologi ed altri, si è fatto il punto della situazione. Uno dei nodi cruciali evidenziati è quello della carenza delle opere di rimboschimento dopo le devastazioni compiute a fine 1800 e, in misura minore, continuate sin dopo la II G.M. . Basta vedere le foto della Valle del Reno fatte attorno al 1865 e poco dopo e quelle attuali per rendersi conto di che cosa si è combinato. Le uniche voci assenti su questo argomento, sono quelle istituzionali. E’ mai possibile che quando si tratta di intraprendere opere di pubblica utilità e di messa in sicurezza di gran parte della Regione, persone comprese, ci si trovi, spesso, dinnanzi ad un muro o a menti distratte ? Certo, la pluridecennale abitudine politico-amministrativa di porre l’occhio in primo luogo sull’entità degli appalti e non sulla validità delle opere da intraprendere abbia generato una deformazione culturale notevole. Con la speranza di un cambio di mentalità gestionale, al fine di evitare ulteriori disgrazie, attendiamo questi programmi di salvaguardia ambientale.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here