Mercato del lavoro

0
114

Letto che le aziende assumono prevalentemente persone oltre i 50 anni, anzi, se si sommano coloro che hanno più di 39 anni a coloro che hanno altre 60 anni , vediamo che i 4/5 del mercato del lavoro è alla ricerca di persone, se non datate, di certo con una notevole esperienza professionale. La cosa, oltre a deprimere il mercato del lavoro giovanile, è però sintomo di una certa inadeguatezza dei giovani a ciò che richiede il lavoro. In parole povere vi è una notevole carenza di professionalità e di stimoli ad acquisire dette capacità professionali. Le scuole sono, spesso, lontane da quelle che sono le esigenze delle professionalità da 3° millennio. Il lavoro, parlo degli ultimi 40 anni, è cambiato in maniera notevolissima. Il cambiamento più profondo è nel modo di rapportarsi con detto mondo del lavoro. Purtroppo il mondo dell’istruzione è rimasto ancorato, parlo di mentalità, ad una realtà sociale scomparsa da molti decenni. Non parlo solo di greco o di latino o di altre materie, argomenti di cultura generale che possono anche servire, parlo di come ci si raffronti con una società completamente cambiata. E’ la mentalità che non è adeguata alla società. I giovani rischiano, ed i dati lo dimostrano, di essere estranei ad un mondo del lavoro perché sono istruiti ed adeguati per una realtà che non esiste più.

SHARE

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here